In tendenza

Zona industriale, Unionport: “mancano 40 giorni, servono risposte”. Il ministro Urso: “soluzione entro poche settimane”

L’associazione di operatori portuali ritorna  a sollevare la questione, il ministro Russo torna a rassicurare i lavoratori: “risolveremo tutto nelle prossime settimane”  

“Un incontro pubblico in una sede istituzionale come la  Prefettura fra gli operatori economici della zona, le loro organizzazioni, i sindacati, la deputazione nazionale e regionale  e un esponente del Governo qualificato. Magari lo stesso ministro. Poiché a questo punto è il caso,  dato il tempo ristretto, che una fonte autorevole  e qualificata dia le risposte e i chiarimenti attesi, una volta per tutte. E invitiamo il Prefetto di sollecitare tale ipotesi poichè 40 giorni potrebbero essere troppo pochi per la soluzione”. A lanciare la proposta è Davide Fazio, presidente  di Unionports che ritorna sull’allarme lanciato alcuni giorni sul rischio di un’ “ecatombe industriale ed economica”  a causa dell’embargo del petrolio russo per la guerra in Ucraina che dovrebbe scattare a dicembre  nei confronti della raffineria Lukoil.

Ora non possiamo ancora fare altro che  rivedere i numeri e dire che a quel disastro annunciato non mancano 50 giorni ma 40. – afferma Fazio- Un conto alla rovescia su cui si sta perdendo troppo tempo   mentre incombe un rischio epocale. E, ci spiace dirlo, assistiamo,  escludendo il  Comune di Augusta che si è attivato,  ad un grande silenzio da parte delle istituzioni  del territorio, a partire dagli altri comuni. Come se  l’oltre 50 per cento di Pil rappresentato  dal comparto industriale sia solo un benefit per Augusta e non per tutta la provincia e la Sicilia. Ora   apprendiamo che  il neo insediato governo sta lavorando su questo dossier.  Il neo ministro Adolfo Urso, succeduto a Giorgetti,  ha infatti  fatto trapelare sulla  stampa  che il nuovo governo sta valutando una ipotesi di soluzione  che, pare, il governo Draghi aveva scartato. E cioè la nazionalizzazione temporanea di Lukoil che farebbe cadere i vicoli da embargo. Una ipotesi, per altro, caldeggiata dalla stessa Unionports già qualche mese fa”.

Nei giorni precedenti, inoltre, il neo senatore del Pd Antonio Nicita aveva intravisto un’altra soluzione tramite la garanzia pubbliche dei crediti che le banche  dovrebbe concedere a Lukoil per potere proseguire nella produzione. Tutte ipotesi interessanti ma che svaniscono un attimo dopo  la pubblicazione sui giornali .

Il ministro delle Imprese e made in Italy, Adolfo Urso ha dichiarato che “già subito dopo il giuramento ho preso in mano il dossier di Priolo assieme a tutti quelli critici e strategici. La raffineria di Priolo è importante, italiana, con un indotto di 10 mila lavoratori. Posso rassicurare tutti: troveremo la soluzione e l’annunceremo quando avremo assunto le nostre determinazioni”.

Il componente del Governo Meloni ha detto di aver già tenuto alcune riunioni in questi giorni, quindi sarà convocato un tavolo tecnico nel quale verranno rese note le decisioni. Qualche giorno fa, ospite di Quarta Repubblica su Rete4, aveva ammesso di seguire alcune ipotesi di investimento o di acquisizione dell’impresa per consentirle di andare oltre la fatidica data in cui scatteranno le sanzioni legate all’importazione di petrolio russo. Oggi il ministro torna a rassicurare i lavoratori: “risolveremo tutto nelle prossime settimane”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo