Report 2015 dei Carabinieri di Augusta: meno furti, ma più rapine e maltrattamenti domestici

Il 2015 è stato un anno di grande impegno per i militari della Compagnia Carabinieri di Augusta che, seguendo gli indirizzi dettati dal Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa, si sono spesi sia nel quotidiano servizio di Istituto che nel sociale, con lodevoli iniziative rivolte ai cittadini.

Dal resoconto dei dati, come avviene alla fine di ogni anno, il primo segno positivo che si evidenzia è il calo dei delitti complessivi rispetto al precedente anno, da 3878 a 3763, frutto dei servizi di prevenzione messi in atto in tutti i comuni della giurisdizione. Le persone tratte in arresto sono state 268 mentre quelle denunciate all’Autorità Giudiziaria sono state 6957, in notevole aumento rispetto all’anno precedente.

Altra nota positiva viene dall’esame dei furti che, complessivamente, risultano lievemente in calo, in particolar modo quelli avvenuti in abitazione, che da 377 (1644 complessivi) sono passati a 344 (1469 complessivi) anche grazie all’attività di contrasto, maggiore rispetto all’anno precedente. Purtroppo, la nota negativa è l’aumento delle rapine in danno agli esercizi commerciali.

Rispetto alle 30 rapine dell’anno scorso, nel 2015 se ne sono registrate 16 in più. Fortunatamente, però, anche in questo caso risultano in crescita, se pur di poco, quelle scoperte. Particolarmente proficuo è stato il contrasto al fenomeno del traffico e dello spaccio di sostanze stupefacenti. Complessivamente sono stati sequestrati 2687 grammi di droghe varie e 263 piante di marijuana. Oltre 50 armi e 1280 munizioni sono state rinvenute dai militari in tutto l’anno. Risultano in aumento le denunce per i reati di maltrattamenti tra le mura domestiche e/o stalking, attraverso le quali è stato possibile arrestare e/o denunciare 16 persone, salvaguardando l’incolumità delle vittime.

Nonostante l’impegno preventivo sul piano della sicurezza stradale, nel 2015 non sono mancati gravi incidenti stradali, in qualche caso mortali. Sono state impiegate oltre 5907 pattuglie, rilevando 64 incidenti stradali ed elevando 42 sanzioni per il mancato utilizzo del casco, 108 per il mancato utilizzo del cintura, 32 per la guida sotto l’effetto di alcol e/o droghe ed oltre 100 per l’utilizzo del telefono cellulare.

La motovedetta di stanza ad Augusta ha effettuato numerosi servizi di vigilanza delle coste, della tutela della pesca e connessi al fenomeno migratorio. Le imbarcazioni controllate sono state 352, 11 persone denunciate, 23 contravvenzioni amministrative elevate e 2 penali per un importo di oltre 40 mila euro. Tra le attività del 2015, la collaborazione con le scuole ha occupato un ruolo importante, in quanto il comandante della Compagnia ed i comandanti di Stazione hanno tenuto numerose conferenze in aula per trasmettere ai giovani studenti il valore della legalità e frenare il fenomeno della dispersione scolastica (oltre 20 i casi segnalati all’Autorità Giudiziaria).

Infine, il comandante Provinciale, Colonnello Luigi Grasso, con il comandante della Compagnia di Augusta, Cap. Federico Alfonso Lombardi, sono stati particolarmente attivi sul tema dei reati commessi in danno alle persone anziane. A tal riguardo, entrambi hanno tenuto conferenze presso centri anziani della provincia dove, portando esempi concreti, hanno sensibilizzato i presenti ad adottare tutte le contromisure necessarie al fine di prevenire truffe, rapine e furti, in particolare nei periodi di riscossione della pensione.

Numerosi servizi coordinati sono stati effettuati nei comuni di Augusta, Francofonte, Lentini, Carlentini e Melilli, con l’intervento dei Reparti Speciali come il N.A.S. (Nucleo Antisofisticazioni e Sanità) ed il N.I.L. (Nucleo ispettorato del lavoro) per i controlli degli esercizi commerciali, nonchè del Gruppo Cinofili di Nicolosi (CT) per la ricerca di armi e stupefacenti. L’arma di Augusta, anche nel 2015, è stata particolarmente impegnata nel contrasto all’immigrazione clandestina collaborando con il G.I.C.I.C. (Gruppo Interforze Contrasto Immigrazione Clandestina) della Procura di Siracusa.

Le indagini svolte hanno portato al fermo di 73 presunti scafisti ed alla denuncia a piede libero degli immigrati entrati clandestinamente nel territorio italiano. Il 2015 si è contraddistinto anche per alcune operazioni di polizia giudiziaria: – 8 gennaio, venivano tratti in arresto su ordine di custodia cautelare tre pregiudicati di Melilli, ritenuti affiliati al clan Nardo, per estorsione e lesioni personali ai danni di un gestore di un bar; – 27 ottobre, venivano tratti in arresto 11 persone per associazione a delinquere e denunciate altre 20 a vario titolo, tra cui un deputato della regione Sicilia e notaio di Augusta.

A riguardo il comandante della Compagnia di Augusta dichiara: “È stato un anno intenso e carico di impegni ma sicuramente ricco di grandi soddisfazioni. Sono stati raggiunti brillanti risultati, non solo in termini di attività operativa ma anche, e soprattutto, di vicinanza al cittadino. Sono state spese molte risorse nel sociale ma con un positivo ritorno in termini di gradimento da parte di tutta la popolazione. L’intenzione era quella di trasmettere una presenza rassicurante dell’Arma dei Carabinieri e credo che l’obiettivo sia stato pienamente raggiunto. Per il nuovo anno ci siamo prefissati di proseguire sul percorso intrapreso, in perfetta sinergia con le altre articolazioni dell’Arma sul territorio ed in linea con le direttive impartite dal Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo