In tendenza

Casa di reclusione di Augusta, ancora un’aggressione ad agente di polizia penitenziaria

Lo denuncia il segretario del Sippe De Pasquale che chiede le dimissioni dei vertici del carcere.  

“Al carcere di Augusta le aggressioni al personale di polizia penitenziaria non sembrano cessare; il clima è ormai pesante e gli agenti sono preoccupati. L’ultima aggressione è stata segnalata ieri alla quinta sezione del carcere ed un poliziotto sarebbe finito al pronto soccorso con 20 giorni di prognosi”.

È quanto sostiene Alessandro De Pasquale, presidente del Sippe,  il sindacato di Polizia penitenziaria che ribadisce  la necessità di un urgente cambio dei vertici  nella casa  di reclusione di contrada Piano Ippolito “perché le continue aggressioni sarebbero la conseguenza di una gestione che, a quanto pare, non preoccupa più i detenuti che per imporsi al sistema aggrediscono i poliziotti spedendoli all’ospedale. Chiederemo ancora una volta al capo del Dipartimento  di intervenire con urgenza – conclude – visto che in Sicilia il provveditore non sembra tener conto delle continue lamentele avanzate  non solo dal Sippe ma anche da altri sindacati della polizia penitenziaria”

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo