In tendenza

Autorità portuale di Augusta: “Parlerò con Del Rio. Sbagliato trasferirla in altra sede”

Lo scalo piattaforma logistica del Mediterraneo e sede strategica internazionale dell’autorità portuale; chiedo al ministro Del Rio che Augusta sia sede naturale della nuova Autorità Portuale poiché è l’unico Porto Core della Sicilia Orientale. Ogni altra scelta segue la geografia politica e non quella tecnica, economica, produttiva”. Ad affermarlo è il deputato nazionale del Pd, Pippo Zappulla, in merito alla possibilità paventata dal ministro Del Rio, di spostare l’Autorità portuale in una sede diversa da quella di Augusta (Leggi Qui).

Siamo ormai nella fase finale della riforma delle autorità portuali che, come indicato dalla competente Commissione Trasporti della Comunità Europea, prevede la razionalizzazione e gli accorpamenti di quelli esistenti. Da indiscrezioni crescenti viene fuori la notizia che si vorrebbe realizzare in Sicilia orientale l’autorità portuale in una sede diversa da Augusta.

Qualora sia malauguratamente confermata – prosegue Zappulla -, la ritengo scelta assolutamente sbagliata e chi ha in testa simili scelte non conosce nè la Sicilia nè la sua geografia socio-economica. Una ipotesi diversa da Augusta risponde, infatti, solo alle esigenze del sottobosco della geografia politica. Se si può considerare condivisibile la necessità di riformare e razionalizzare il sistema portuale e delle autorità, occorre farlo però sapendo rispondere alle esigenze produttive e alle specificità organizzative delle attività portuali e marittime. Per la Sicilia orientale non potrà che essere allocata ad Augusta. Scelta strategica da assumere non certo per campanilismo ma perchè diverse ragioni tecnico-produttive e legate ai traffici merci e alle stesse potenzialità, lo impongono”.

Il Porto di Augusta è infatti l’unico porto hub classificato di valenza internazionale dalla stessa comunità europea. L’Ue, Consiglio e Commissione Europea, in sinergia con il Ministero dei Trasporti, ha incluso il porto di Augusta tra le infrastrutture portuali su cui intervenire prioritariamente (da qui le importanti risorse già disponibili) passando dalla rete secondaria iniziale alla rete principale Core ( 83 in tutta europa e 14 italiane). Il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ha scelto come criterio e parametro economico principale quello di far coincidere le nuove sedi delle Autorità Portuali proprio con i Porti Core, appunto 14.

Sarebbe pertanto incomprensibile e gravissimo – ancora il deputato nazionale del Pd-  che solo per la Sicilia Orientale e per Augusta venisse meno questo criterio cedendo alle pressioni e agli equilibri politici. Al Ministro Del Rio chiedo di evitare uno scempio e una sciagura di questo genere che squalificherebbe una grande operazioni di riorganizzazione e rilancio delle attività portuali e marittime italiane. Non si spiegherebbe proprio sul terreno tecnico, produttivo, delle specificità dei singoli porti, l’inserimento del Porto di Messina nel distretto della sicilia sud orientale. Mentre Augusta, Catania, Siracusa, Pozzallo sono porti che possono integrarsi, Messina ha attività concorrenti con Augusta e la stessa Catania. La Sicilia orientale e specificatamente il porto di Augusta, possono e devono diventare, pertanto, la piattaforma industriale, commerciale, merci e passeggeri logistica del Mediterraneo.

Esistono già, in tal senso, analisi, documenti e preintese per avviare con l’autorità portuale ad Augusta il Sistema d’area vasta della Sicilia orientale in piena sintonia con le linee guida generali della Unione Europea. “Non credo esistano serie alternative alla realizzazione del Sistema Portuale Integrato della Sicilia Orientale con al centro il Porto di Augusta e insieme con la piena valorizzazione dei vari porti a partire da quello di Catania – concude Zappulla -. Ho già chiesto, pertanto, alla commissione Trasporti della Camera di mettere all’ordine del giorno la questione. Ma chiedo oggi stesso e per l’ennesima volta al Ministro Del Rio di sciogliere ogni dubbio ed equivoco e di individuare definitivamente ad Augusta la sede della nuova Autorità Portuale del Distretto Portuale-Marittimo della Sicilia Sud-Orientale. E’ gradito, infine, un urgente intervento del Presidente della Regione a sostegno di una scelta economica e trasparente e non delle cordate e pressioni politiche


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo