Augusta, strage di via D’Amelio: Destinazione futuro ricorda il giudice Borsellino e la sua scorta

Alle 16:58 in punto verrà suonato il silenzio ed a seguire inizieranno i lavori per i ragazzi impegnati nella realizzazione di graffiti e disegni

Ventotto anni fa, il 19 luglio 1992, il giudice antimafia Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta  Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina venivano uccisi da un ‘autobomba in via D’Amelio. Per ricordare quella strage oggi  pomeriggio i giovani del movimento politico-culturale Destinazione Futuro si sono dati appuntamento in un noto bar del Faro Santa croce “dove alle 16:58 in punto, orario esatto in cui avvenne l’attentato di via D’Amelio verrà suonato il silenzio ed a seguire inizieranno i lavori per i ragazzi impegnati nella realizzazione di graffiti e disegni che avranno come tema quello della legalità e del ricordo del giudice  Borsellino – fa sapere Andrea Lombardo, Responsabile di Destinazione Futuro-  Abbiamo deciso, come ogni anno, di rendere omaggio alla memoria di questo tragico evento partendo dal coinvolgimento dei più giovani, affinché si provi a coltivare quella cultura della legalità incrociando storia ed arte”.

Da quando è nato tre anni fa, il gruppo dei giovani di Destinazione Futuro ha reso omaggio alla memoria del giudice e dei suoi agenti barbaramente trucidati con attività di vario genere, anche partecipando nel 2018 alla marcia della legalità che ogni anno si tiene a Palermo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo