In tendenza

Augusta, si apre uno spiraglio per evitare la chiusura degli uffici dell’Agenzia delle Entrate

La chiusura dell’ufficio territoriale di Augusta dell’Agenzia delle Entrate potrebbe essere scongiurata.
E’ quanto emerge da un vertice tenutosi a Siracusa tra il Direttore Regionale per le Entrate della Sicilia Antonino Gentile, il Direttore Provinciale Gianfranco Antico ed il Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa Massimo Conigliaro.

Nel momento in cui si era avuta notizia della possibile chiusura dell’ufficio territoriale di Augusta, l’Ordine di Siracusa aveva inviato una nota formale alla Direzione Regionale, proponendo una redistribuzione territoriale delle competenze dei vari comuni della provincia al fine di non penalizzare i contribuenti e professionisti della periferia e chiedendo in ogni caso il mantenimento dello sportello.

Il Direttore Regionale delle Entrate Antonino Gentile, nel corso dell’incontro tenutosi presso la Direzione Provinciale di Siracusa, ha precisato che “l’esigenza di chiusura dell’Ufficio promana da disposizioni degli Organi Centrali dell’Agenzia che, a loro volta, sono conformi a norme di legge, in particolare all’art. 23-quinquies del D.L. n. 95 del 6/7/2012 (c.d. spending review). In base a tale articolo, rubricato “riduzione delle dotazioni organiche e riordino delle strutture del Ministero dell’Economia e delle Finanze e delle Agenzie Fiscali”, al fine di addivenire alla riduzione della spesa complessiva, dovrà essere diminuito il numero degli Uffici Territoriali, chiudendo prioritariamente quelli “aventi sede in province con meno di 300.000 abitanti, ovvero con un numero di dipendenti inferiore a 30, ovvero dislocati in stabili in locazione passiva”.

Lo stesso art. 23-quinquies prevede, inoltre, una riduzione dei costi del personale non inferiore al 10%, per cui il mantenimento della struttura periferica deve essere rapportato non solo al costo del mantenimento dell’immobile, ma anche a quello del personale nell’ottica della sopravvenuta carenza di risorse umane. Di conseguenza, con provvedimento direttoriale n. 2012/103284 del 16/7/2012, è stata disposta la soppressione di alcuni Uffici territoriali tra cui quello di Augusta, la cui chiusura avverrà presumibilmente entro il primo semestre di quest’anno.

La Direzione Provinciale di Siracusa, con la supervisione della Direzione Regionale – ha aggiunto il dott. Gentile – , vaglierà le soluzioni più idonee per il riordino delle competenze territoriali, compatibilmente con le risorse di personale disponibili e verificherà l’eventuale possibilità di persistere con uno sportello decentrato sul territorio di Augusta, ove sia possibile trovare un intesa con la locale amministrazione comunale per il reperimento di idonei locali in comodato gratuito, al fine di limitare al massimo i disagi dei cittadini, compatibilmente con le disposizioni degli organi centrali di questa Agenzia”.

Il Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Siracusa Massimo Conigliaro ha preso atto dello spiraglio che si apre nella vicenda: “Ringraziamo la disponibilità della Direzione Regionale che ha prontamente risposto alla nostra istanza – ha dichiarato Massimo Conigliaro – e ci attiveremo adesso con l’Amministrazione Comunale di Augusta, di concerto con l’Agenzia delle Entrate di Siracusa, alla ricerca della soluzione più idonea, cercando di ottenere la disponibilità di locali utili al caso. Adesso confidiamo sul fatto che anche gli altri attori della vicenda facciano la loro parte” .


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo