In tendenza

Augusta, Sgomberati gli occupanti della Piscina Comunale. “Apriamo alla solidarietà” il monito di Alternativa Comunista

Quattro donne ed otto uomini, tutti di cittadinanza rumena, hanno ricevuto nella giornata di ieri un’ordinanza di sgombro da parte del Comune di Augusta. I rumeni si erano stabiliti in modo abusivo all’interno dei locali dell’ex Piscina comunale, approfittando delle porte già scardinate e della totale assenza di custodia.

Sulla questione si è espresso il partito di Alternativa Comunista, il quale ha dichiarato quanto segue:

Il partito di Alternativa Comunista esprime la massima solidarietà ai cittadini romeni vittime del blitz poliziesco e del successivo sgombero dai locali della piscina comunale di Augusta. Persone umiliate dall’assenza di umanità e dall’intolleranza delle istituzioni, perché semplicemente costrette dalla disperazione ad occupare una struttura pubblica abbandonata per trovare un tetto sotto cui vivere.

Denunciamo e respingiamo al mittente i vergognosi attacchi razzisti e xenofobi di cui queste persone sono state fatte bersaglio, attraverso i social network .

Rivendichiamo per loro il riconoscimento del primario diritto alla casa, con l’immediata assegnazione di un alloggio dignitoso. Sosteniamo attivamente sin d’ora qualsiasi nuova occupazione da parte dei senzatetto in città, il cui numero è destinato a crescere a causa della crisi e complice la più assoluta indifferenza delle istituzioni locali.

Qui è in gioco il bene della dignità umana e non possiamo permettere che essa venga calpestata da azioni repressive e da atteggiamenti intolleranti e reazionari ancora troppo diffusi in città.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo