Bollo auto, al via procedura esenzione per i redditi più bassi

Augusta, sbarcati 257 migranti risultati negativi al Covid: tre arrestati per essere rientrati illegalmente in Italia

Espulsi anche due cittadini ucraini scarcerati dalla Casa Circondariale di Siracusa ove erano detenuti per i reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

Nella giornata di ieri, personale della Polizia di Stato è intervenuto nel porto commerciale di Augusta ove è ormeggiata la nave quarantena “Azzurra”, con a bordo 442 stranieri, di cui 257 hanno ultimato il periodo di quarantena e sono risultati negativi ai test anti covid.

Nella circostanza, gli agenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Siracusa, diretti dalla dott.ssa Stefania Marletta, hanno dato esecuzione a 198 provvedimenti di respingimento emessi dal Questore di Siracusa nei confronti degli stranieri cosiddetti “economici” e, pertanto, irregolari sul territorio dello Stato, 20 dei quali saranno trattenuti presso il Centro per i Rimpatri di Roma “Ponte Galeria”, struttura individuata dal Servizio Immigrazione del Ministero dell’Interno, dove gli stranieri sono stati accompagnati per essere rimpatriati nel paese di origine.

Cinquantasette migranti, rientranti nella fattispecie dei richiedenti asilo, sono stati posti in accoglienza presso le strutture site in Calabria, Umbria, Campania e Lazio.

Inoltre, sempre nella giornata di ieri, agenti dell’Ufficio Immigrazione hanno dato esecuzione all’espulsione, emessa dal Prefetto di Siracusa, nei confronti di 2 cittadini ucraini, scarcerati dalla Casa Circondariale di Siracusa ove erano detenuti per i reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, associazione a delinquere, danneggiamento e resistenza a Pubblico Ufficiale. Infine, agenti della Squadra Mobile di Siracusa, nell’ambito delle operazioni di polizia giudiziaria svolte durante le fasi dello sbarco dalla nave “Azzurra”, hanno arrestato tre cittadini tunisini, rientrati illegalmente nel territorio nazionale, dopo essere stati precedentemente espulsi. Gli stessi, posti in libertà dall’Autorità Giudiziaria, saranno destinatari di un nuovo ordine di respingimento.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo