Nuovo Dpcm, Musumeci al governo Conte: “Roma pensi al ristoro per le attività chiuse”

Augusta, saranno ripristinati Chirurgia e Medicina e inaugurata Oncoematologia: lo assicurano Pisani e Di Pietro

Il senatore e il sindaco ribadiscono le rassicurazioni avute dalle autorità sanitarie ma non spiegano i tempi del ripristino dei reparti

Il nuovo reparto che dovrebbe essere inaugurato

“L’ospedale Muscatello riavrà Chirurgia e Medicina. Non solo, ma siamo ormai nell’imminenza dell’inaugurazione di Oncoematologia, cosa che sarebbe già avvenuta se non ci fosse stata l’epidemia da Covid 19”. Lo dicono il senatore Pino Pisani e il sindaco Cettina Di Pietro che, su Facebook, sono tornati a ribadire di aver avuto garanzie dalle autorità sanitarie sul futuro dell’ospedale che tornerà come prima della diffusione del virus, con Medicina e Chirurgia ripristinati, con in più il nuovo reparto per la cura delle patologie oncologiche del sangue, ma senza però aggiungere quell’informazione in più che i cittadini stanno aspettando. E cioè  quando, dopo oltre due mesi, si potrà evitare di andare fuori da Augusta per un ricovero, considerato che è già diverso tempo che il Covid center non ha neanche un ricoverato e che l’ambulatorio di Ematoncologia si è trasferito già da giorni al primo piano, nei locali del futuro reparto.

“Adesso sono tutti bravi a chiedere, a scrivere post, a mandare pec, a fare manifestazioni” aggiungono i due esponenti della maggioranza a 5 stelle riferendosi alle tante polemiche politiche e sollecitazioni ad Asp e Regione  per chiedere un ritorno alla normalità di queste settimane e rivendicano  le “frequenti e lunghe interlocuzioni con le autorità sanitarie” che hanno sempre e anche pubblicamente affermato come non ci fosse altra  soluzione in quel momento “che istituire in via provvisoria, un Covid Center nel nostro ospedale, salvo poi vedere restituiti i reparti momentaneamente chiusi nella fase acuti. Anche noi – sottolineano – eravamo preoccupatissimi per la sospensione di servizi di primaria importanza, ma avevamo la consapevolezza che non c’era altra soluzione. Non potevano sposare la scelta irresponsabile di quanti proponevano soluzioni fantasiose e irrealizzabili, per mancanza di tempo essenzialmente, ma anche per la carenza di personale adeguatamente formato”.

Poi puntano il dito contro i “vecchi arnesi della politica,  desiderosi solo di riconquistarsi un posto al sole, rimasti silenti e inoperosi per tutta la durata della Fase 1, salvo poi uscire allo scoperto nel momento in cui si intravedeva un superamento della fase più acuta della crisi, per di più rivendicando l’estraneità a problemi di cui in realtà erano non solo partecipi ma anche intestatari”, sottolineando anche il comportamento “curioso” di alcuni deputati regionali “rimasti fermi a tutelare gli ospedali di casa propria fino a quando non era chiaro verso dove si stava andando”.

Non dimenticando il riferimento all’allarmismo fatto da chi, a loro dire, “per due mesi ha ripetutamente gridato al lupo, al lupo, paventando chissà quali pericoli e quali stragi con l’arrivo del Covid Center ad Augusta. Oggi possiamo dire che – affermano – di questa intensa attività si poteva benissimo fare a meno. Il Cov-Cen di Augusta non ha creato un solo contagiato, e ciò lo dobbiamo all’ eccezionale professionalità di chi ha operato in quel reparto, a cui vanno i nostri complimenti e i nostri ringraziamenti. Anche in questo frangente è stato dimostrato che l’ospedale Muscatello di Augusta ha personale medico e infermieristico di prim’ordine e di ciò dobbiamo andare fieri”.

Adesso la Fase 2 sarà complessa e caratterizzata dalla riorganizzazione di tutti i servizi, prevista dai protocolli sanitari per impedire un ritorno dell’epidemia. “Ciò comporterà, ad esempio, non solo strutture di pre-triage, ma – concludono – anche ampie opere di ristrutturazione e di sanificazione sia dei locali ma anche degli impianti che, peraltro, sono importanti al di là del Covid. Saranno passaggi fondamentali per restituire alla popolazione un servizio ospedaliero adeguato e sicuro”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo