Augusta, rivelazione di segreti d’ufficio, assolto maresciallo delle Fiamme gialle

Il militare era accusato di aver comunicato atti di un’indagine a colui che aveva presentato la denuncia

È stato assolto ieri dal reato di rivelazione di segreti d’ufficio il maresciallo della Guardia di Finanza di Augusta Salvatore Seguenzia, accusato di avere comunicato il contenuto di atti di un’indagine a colui che aveva presentato la denuncia.

Il gup del tribunale di Siracusa, Andrea Migneco, considerata la particolare tenuità del fatto,  ha assolto il militare accogliendo le richieste presentate dai due difensori, gli avvocati Bruno Leone e Beniamino D’Augusta, mentre il Pubblico ministero Vincenzo Nitti aveva chiesto la condanna a uno anno e otto mesi di reclusione, così ridotto per il rito abbreviato.

Il fatto risale al 2016 e riguarda una denuncia presentata all’epoca al comando delle fiamme gialle di Augusta sulla compravendita di un terreno.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo