In tendenza

Augusta, rimpasto di giunta, Triberio: “La nuova amministrazione Di Mare a trazione leghista”

Secondo il consigliere di opposizione il sindaco ha svelato il paravento di un’amministrazione civica

“Mentre i cittadini, in primis quelli del centro storico, continuano a soffrire la mancanza di acqua o se va bene ricevendola torbida, smentendo il giochino ormai infinito degli annunci sul nuovo pozzo, con ancora porzioni di città al buio, strade piene di buche ed il costone di levante pericolosamente in dissesto aggravati dagli eventi atmosferici dei giorni scorsi, il sindaco per ottemperare e garantirsi la maggioranza in consiglio comunale nomina una nuova giunta politica svelando l’ipocrisia messa in atto in questi mesi di essere un’amministrazione civica”.

A parlare è Giancarlo Triberio, consigliere comunale che entra nel merito del rimpasto di giunta che ieri ha portato ieri a giurare tre nuovi assessori sostenendo che  la nuova giunta “diventa a trazione del partito di Salvini” che, grazie alla federazione dei consiglieri Tribulato, Amara, Patti e Serra insieme al consigliere Montalto, ufficializzata a mezzo stampa alcuni mesi fa, riferimenti dei coordinatori provinciale e cittadino del Carroccio, raccolgono due assessori con deleghe fondamentali come Lavori Pubblici ed Ecologia.

E’ chiaro adesso che, al di là dei giudizi sulle persone, il sindaco Di Mare politicamente disvela la sua natura consegnandoci un’amministrazione schiacciata su posizioni di destra tagliando i cordoni con il civismo, il mondo moderato e quello progressista grazie anche alla presenza di revisionisti delle tradizioni e nostalgici di tempi ormai passati della nostra Repubblica”.

E questo mentre i gravi problemi della nostra comunità sono rimasti purtroppo solo “spot elettorali e promesse” come la depurazione, un nuovo assetto urbanistico e di protezione civile per affrontare gli eventi climatici, una nuova visione della gestione ambientale ed un funzionamento dei servizi al cittadino di una città normale, per “evitare che il futuro sia solo uno spot elettorale e si rimanga ancorati al passato”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo