In tendenza

Augusta, presidenza Autorità portuale. Il sindaco: “il Governo faccia un passo indietro sulla nomina di Chiovelli”

Il primo cittadino ha partecipato al vertice a Catania insieme al presidente della Regione e all’assessore alle Infrastrutture insieme ai sindaci di Catania, Priolo e Melilli

“Credo che ormai non si possa accampare alcuna scusa, affinché il presidente dell’Autorità di sistema del mare di Sicilia orientale sia una figura di comprovata esperienza professionale e grande conoscenza della portualità siciliana”. Così il sindaco Giuseppe Di Mare commenta le dichiarazioni del presidente della Regione Nello Musumeci all’indomani del vertice che si è tenuto al palazzo della Regione di  Catania  per discutere sull’indicazione, per la presidenza dell’Autorità di sistema del mare di Sicilia orientale, dell’attuale commissario Alberto Chiovelli da parte del ministro delle Infrastrutture e che ha visto la convergenza della Regione che ha negato l’intesa al ministro con tutte le amministrazioni comunali che ricadono nella competenza territoriale della Adsp, ovvero Augusta, Catania Melilli e Priolo.

Il sostegno del sindaco di Catania, Salvo Pogliese alle esigenze espresse dai Comuni di Augusta, Priolo e Melilli, insieme alla piena sintonia ribadita dal presidente Musumeci e dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone – aggiunge – rendono non più eludibile per il Governo nazionale un passo indietro sulla indicazione espressa in favore dell’ingegnere Enrico Chiovelli, il cui breve servizio prestato come commissario all’Autorità portuale non ha mostrato alcuna discontinuità con una governance che ha fallito tutti gli obiettivi di rilancio per il nostro porto commerciale. Certo di interpretare anche il punto di vista dei sindaci del petrolchimico, Pippo Gianni e Giuseppe Carta, – conclude – quanti oggi si ostinano a difendere scelte nate nei corridoi delle segreterie politiche di Roma non fanno altro che perpetuare quell’ascarismo che tanta devastazione ha portato nel nostro territorio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo