In tendenza

Augusta, presentato l’Orto di Rosario: progetto di agricoltura sociale per ragazzi e adulti speciali

Coinvolti  10 ragazzi diversamente abili dell’associazione 20 Novembre 1989 project grazie ad un bando regionale e alla cooperativa L’albero

Avere in obiettivo quotidiano per alzarsi la mattina  dal letto e sviluppare, al contempo, competenze ed abilità personali  di inclusione sociale e anche professionale nel coltivare la terra e offrire i suoi prodotti di stagione. E’ questo il progetto di agricoltura sociale presentato sabato mattina nell’ “Orto di Rosario” che vede coinvolti  10 ragazzi diversamente abili dell’associazione 20 Novembre 1989 project, già impegnati da un anno mezzo.  A consentirlo è un  bando regionale del Psr Sicilia vinto come  ente capofila della Cooperativa energetica e Fattorie Sociali Sicilia e come partnes  della cooperativa sociale L’Albero, che ha cosi permesso la partecipazione  dell’associazione  megarese e dei suoi iscritti, ragazzi ed adulti, che in questi mesi hanno imparato, con l’aiuto di figure specializzate e anche di volontari,  a  mettere a dimora e coltivare ortaggi di stagione avviando un meccanismo virtuoso che gli sta facendo acquistare  anche una maggiore consapevolezza di sé.

Sabato mattina è stato promossa una mattinata anche dimostrativa per far conoscere questa realtà all’esterno e   invitare le istituzioni a creare  sinergie e collaborazione a favore di ragazzi e adulti con disabilità per la realizzazione di progetti di inclusione sociale, come ha spiegato al presidente  dell’associazione 20 novembre 1989 Project Ielsa speciale, intervenuta insieme a Rossella Monaco pedagogista e responsabile dell’Orto sociale, a Carmelo Farina esperto di tecniche agricole di base che sostiene il progetto, Viviana Piazza, pedagogista, Massimo Salamone presidente dell’albero e a Carmela Tata garante regionale per la disabilità. Presenti anche dirigenti scolastici e  docenti delle 4 scuole dell’obbligo, rappresentanti dell’Asp territoriale,  l’Inner Wheel che sostiene per il secondo anno consecutivo le attività di agricoltura sociale dell’associazione e le  famiglie dei ragazzi.

Ad inaugurare simbolicamente l’”Orto di Rosario”, intitolato a Rosario Mirabella  che faceva parte dell’associazione megarese, scomparso l’anno scorso in piena pandemia, e che  si trova in una serra dell’agriturismo a  “Palumma”,  è stato il sindaco Giuseppe Di Mare alla presenza degli assessori Ombretta Tringali, Pino Carrabino e Rosario Costa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo