Augusta, presentato giovedì il nuovo piano per la gestione integrata dei rifiuti

Il disgustoso spettacolo dei cassonetti stracolmi di rifiuti ad Augusta potrebbe diventare presto un ricordo.Giovedì 21 giugno, l’Amministrazione Comunale, nella persona dell’Assessore alle Politiche  , Michele Accolla, ha presentato la bozza di progetto del “Piano per la gestione integrata dei rifiuti ad Augusta”, in un incontro destinato in particolare ai Consiglieri Comunali e ai Consiglieri di Circoscrizione.

All’inizio della presentazione l’Assessore Accolla ha cercato di chiarire il confuso quadro normativo che ha a lungo ritardato il bando di una nuova gara per l’affidamento del servizio col conseguente prolungamento del regime di proroga di cui tutti sappiamo.

Dopo il fallimento degli ATO e la mancata attuazione della riforma del Sistema di gestione integrata dei rifiuti in Sicilia che prevedeva l’introduzione delle SSR entro il 2011, il 9 maggio scorso si è finalmente aperto uno spiraglio in questa “zona grigia” che consente ai comuni di bandire la gara d’appalto per la gestione dei rifiuti laddove l’ATO non ha assunto il servizio. Stando a queste informazioni, dopo l’ultima proroga che verrà rilasciata a breve, il Comune di Augusta dovrebbe essere in gardo di bandire una nuova gara d’appalto per l’affidamento del servizio. Atto che dovrebbe generare una svolta nella gestione dei rifiuti ad Augusta.

In parallelo alla progettazione del sistema di raccolta, l’Amministrazione ha presentato anche una richiesta di finanziamento alla Regione Sicilia di 3.974.000 euro per l’acquisto di mezzi e attrezzature che il Comune darà in comodato d’uso gratuito alla società che si aggiudicherà l’appalto, ciò consentirà di abbattere il costo di gestione del servizio, dal quale saranno decurtati i costi rilevanti degli ammoratmenti per l’acquisto di mezzi e attrezzature. La documentazione per il finanziamento, che richiede peraltro le firme del Presidente dell’ATO, del Ministro dell’Ambiente e del Sindaco del Comune di Augusta, è attualmente alla firma del Presidente della Regione Sicilia.

L’Amministrazione ha affidato la progettazione del piano di raccolta e la consulenza per la predisposizione degli atti di gara alla Esper di Torino, studio di consulenza specializzato, che vanta numerosi casi di successo in tutta Italia (vedi Capannori, 90% di Raccolta Differenziata).
I dettagli del progetto sono stati illustrati dall’Ing. Attilio Tornavacca della Esper, che ha sottolineato il fatto che la società, per garantire obbiettività e indipendenza delle proprie valutazioni, si sia dotata di un rigoroso codice etico “che impegna la società stessa e tutti i professionisti a non:

– Avere rapporti economici con aziende che promuovono e propongono sul mercato brevetti o tecnologie nel settore dei rifiuti
– Accettare incarichi e consulenze da parte dei soggetti privati che come attività hanno quella di partecipare a gare di gestione rifiuti, di costruire impianti di smaltimento etc”
Il progetto per Augusta introduce molte novità, innanzitutto la tariffazione puntuale volumetrica ovvero non si pagherà più in base ai metri quadrati dell’immobile intestato ma in base al volume dei rifiuti prodotti. Ciò sarà reso possibile dall’utilizzo di sacchetti con trasponder passivi che permetteranno di riconoscere i rifiuti conferiti da ogni singola utenza e quindi di quantificarne il volume.

In sostituzione della Raccolta stradale, che ha un limite riconosciuto di Raccolta Differenziata del 15-30%, verrà introdotta la Raccolta porta a porta su tutto il territorio comunale e verranno eliminati totalmente i cassonetti stradali. Il nuovo sistema consentirà di incrementare notevolmente le percentuali di Raccolta Differenziata ma soprattutto di migliorare la qualità della materia raccolta. L’introduzione della tarriffazione puntuale volumetrica contribuirà anche ad incentivare la riduzione dei rifiuti a monte, i cittadini infatti tenderanno a privilegiare quegli esercizi commerciali che consentiranno di portare a casa meno ri fiuti possibili sotto forma di imballaggi inutili.

Il Piano, progettato su misura per il Comune di Augusta, prevede una calibrazione dei passaggi per la raccolta che tenga conto della differenza di produzione di rifiuti tra estate e inverno, tra utenze domestiche e utenze non domestiche e prevede infine incentivi anche per l’azienda che svolge il servizio in modo che tutti i soggetti coinvolti abbiano l’interesse a conseguire il miglior risultato possibile.
In merito ai costi per il cittadino l’Ing. Tornavacca ha sottolineato che con l’attuale sistema si sarebbe verificata una inevitabile lievitazione della tariffa a causa dell’innalzamento dei costi di conferimento conseguente all’imminente esaurimento della discarica di Costa Gigia, stimata in un semestre ancora.
L’aumento dei costi di raccolta del nuovo sistema verrà compensato dall’abbattimento dei conferimenti in discarica e dai corrispettivi per la materia differenziata. Non ultimo il nuovo sistema consentirà l’assunzione di altre 25 unità rispetto all’organico attuale.
Non ci resta che augurarci che la gara venga bandita al più presto e che Augusta entri a far parte dell’”Associazione dei Comuni Virtuosi”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo