Nuovo Dpcm, Musumeci al governo Conte: “Roma pensi al ristoro per le attività chiuse”

Augusta, Porto: “Non perdiamo l’ennesima occasione di sviluppo per il territorio”, così Prestigiacomo

Nota dell’on. Stefania Prestigiacomo, parlamentare nazionale del Pdl, in merito al porto di Augusta:

E’ necessario che ci sia una forte consapevolezza del territorio, che non può perdere l’occasione adesso che è stata riconosciuta la centralità del porto di Augusta, come nodo della rete dei trasporti almeno per l’intera Sicilia Orientale. Entrò il mese di giugno si avvieranno i lavori per la realizzazione delle opere già cofinanziate un mese fa. Si tratta di un primo importante passo. Occorrerà subito dopo dare l’avvio alle progettazioni ed all’iter delle autorizzazioni per le nuove opere da cofinanziare con i fondi 2014-2020 (miliardi di euro a disposizione), in un contesto di sinergia tra Autorità Portuale, Governo Nazionale e Regionale, superando sterili visioni di parte ed operando nell’interesse generale del territorio che sembra aver ritrovato, almeno nello specifico, capacità manageriali, di programmazione e di visione strategica”.

Così il parlamentare nazionale del Pdl, on. Stefania Prestigiacomo. La scorsa settimana aveva annunciato, dopo aver ricevuto una telefonata dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Maurizio Lupi, che il porto di Augusta era stato inserito nella rete Ten-t (reti di trasporto transeuropee) a livello Core, che rappresenta la principale rete dei trasporti europea. All’on. Prestigiacomo, il ministro aveva anche annunciato una visita in Sicilia ed in particolare al porto megarese. Oggi l’ex ministro per l’ambiente ricorda che il porto di Augusta è tra le infrastrutture portuali prioritarie per l’Italia ed è l’Europa ad aver dato questo riconoscimento.

“La commissione europea ha individuato i principali 319 porti marittimi europei che sono fondamentali per un funzionamento efficace del mercato interno e dell’economia europea (Rete globale TEN-T). Di questi 83 sono stati riconosciuti come porti della rete centrale (Rete CORE TEN-T). Parlamento Europeo, Consiglio e Commissione Europea hanno incluso il porto di Augusta tra le infrastrutture portuali prioritarie su cui intervenire prioritariamente, passandolo dalla rete secondaria alla rete principale CORE, dando così valore alla nuova strategia adottata dall’Autorità Portuale e soprattutto ai progetti presentati ed inclusi nelle linee d’indirizzo del nuovo Piano Regolatore che contiene anche elementi di miglioramento ambientali oltre che infrastrutturali.

Nella strategia europea i porti, ma anche gli aeroporti, debbono essere meglio collegati alla rete dei trasporti rispondendo alle necessità di sviluppo dei territori ed alle nuove esigenze imposte dai cambiamenti sociali e di mercato”.

Il parlamentare nazionale del Pdl evidenzia che il prestigioso traguardo deve servire alla Sicilia per recuperare quel gap in tema di trasporti, strade e ferrovie in particolare. “È’ un risultato di grande rilevanza non solo per la nostra provincia ma per l’intera area della Sicilia Orientale: appena due anni fa il Porto di Augusta non era neanche incluso nella rete TEN-T a livello globale. Risultato ottenuto da impegno e capacità manageriali di primo piano che hanno permesso di mantenere le aspettative anche in riferimento all’esclusione di altri importanti porti italiani ed europei”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo