Augusta, Odori nauseabondi dal deposito Maxcom Petroli: domani sul tavolo le autorizzazioni alle emissioni in atmosfera

Giornata importante, quella di domani, per Augusta. Per le 10 è stata convocata una conferenza dei servizi in merito all’eventuale rilascio del rinnovo delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera al deposito combustibili costiero Maxcom Petroli.

La struttura è finita nell’occhio del ciclone, di recente, per l’invivibilità nell’area circostante: denunciata quattro anni fa, ripresa qualche giorno fa dal componente del coordinamento della Difesa di Siracusa per la Intesa Funzione pubblica e Rsu, Salvatore Bilotta, che presta servizio proprio all’interno del Comprensorio, e sostenuta da segretario regione dello stesso sindacato, Giuseppe Piccione. Anche perché la problematica riguarda innanzitutto la cittadinanza, ma nell’adiacente comprensorio Pantano Danieli della Marina Militare si trovano ubicati gli uffici di Marisicilia, Marinarsen e Maricommi, con il rispettivo personale civile e militare.

Ogni giorno ci troviamo costretti – aveva sottolineato Bilotta –, a dover sopportare ciò che i cittadini augustani vivono purtroppo da anni, ovvero un’aria irrespirabile che provoca non indifferenti fastidi e chissà cos’altro, che ci auguriamo fortemente di non dover scoprire tra qualche anno. Se avessimo scelto di lavorare nel Polo Industriale, saremmo stati consapevoli di ciò che avremmo vissuto giornalmente e di ciò a cui saremmo andati incontro, ma evidentemente abbiamo fatto una scelta ben diversa”.

A distanza di anni durante il giorno si continua a sentire puzza, dunque, così il sindaco di Augusta Cettina Di Pietro ha delegato l’ingegnere Giuseppe Raimondo a rappresentare l’ente. Già, lo stesso consulente dell’Ambiente del Comune di Siracusa che ha ottenuto dal primo cittadino pentastellato un contratto di collaborazione da 1.000 euro al mese.

L’intenzione è quella di rivoltare come un calzino l’aspetto industriale di uno dei comuni del quadriletero industriale sfruttando conoscenze e professionalità di chi si occupa già di queste vicende anche in sede ministeriale con le autorizzazioni integrate ambientali. Ma la decisione potrebbe suscitare non poche polemiche al Comune di Augusta, considerato che le casse megaresi non navigano certo in buone acque e che non è tipico dei 5 Stelle affidare consulenze esterne.

Non capita spesso, purtroppo, che un primo cittadino si adoperi in tempi così rapidi per affrontare una problematica- Quando ciò accade, si ha la dimostrazione che volere è potere – questo quanto dichiara il segretario regionale Piccione – dopo aver appreso della determinazione sindacale del 31 agosto e della conferenza dei servizi sulle autorizzazioni alle emissioni concesse al deposito Maxcom. Non possiamo che ritenerci soddisfatti di questi primi piccoli grandi passi, e il fatto che la nostra denuncia avrà dei risvolti positivi per la cittadinanza, rende doppia la soddisfazione ma saremo sempre vigili sulla questione. Sono certo che verremo aggiornati su tutto a cominciare da quanto uscirà fuori dal tavolo ma adesso il mio personale plauso a chi preferisce i fatti concreti e l’impegno, alle parole.”

Luca Signorelli


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo