In tendenza

Augusta, non si ferma la curva del contagio. Più di 1400 i positivi

Più 456 casi in due giorni, che si spiega in parte anche con il fatto che,  con la nuova normativa regionale,  sono stati conteggiati sia positivi ai tamponi molecolari che ai test antigenici rapidi

Ad Augusta schizzano ancora i contagi e raggiungono, ieri,  il “boom” di 1421 positivi secondo  l’ultimo report fornito  dal Comune in serata. Più 456 casi in due giorni, che si spiega in parte anche con il fatto che,  con la nuova ed ultima normativa regionale,  sono stati conteggiati nel totale anche quegli augustani  che risultano positivi ai test antigenici rapidi, che sono 471 insieme a quanti hanno invece ricevuto un responso dal tampone molecolare che, secondo il dato di ieri, era di  950 casi accertati.

Il numero maggiore di positivi è sempre quello che si registra sotto i 25 anni con 401 casi, più 29 rispetto ai 372 registrati il giorno prima. Segue la fascia di età 36-50 con 343, più 32 positivi rispetto ai 311 del 13 gennaio. 340 sono, invece, i contagiati  dal covid ad avere un’età compresa fra i 51 e 70, (più 33 rispetto ai 297 di ieri l’altro), 218 sono registrate nella fascia d’età 26-35 (più 16 rispetto ai 202 dei giovedì), infine il dato più basso è quello degli over 70 che sono 119 (più 14). Lieve flessione  dei malati ricoverati  in ospedale in terapia ordinaria che sono 12, (meno 1),  rimane sempre un paziente ricoverato in terapia intensiva.

Un “boom” di casi che conferma la continua crescita esponenziale, in linea un po’ con tanti altri comuni non solo siciliani,  dei positivi delle ultime settimane e che non è certo una novità anche a guardare le file che si continuano a registrare sia davanti ai laboratori e farmacie che effettuano i test rapidi, che davanti al drive in del Polivalente di piazza Unità d’Italia per i tamponi molecolari richiesti dall’Asp di Siracusa, e a cui si aggiungono i tantissimi augustani che ancora aspettano una chiamata dall’Asp o l’esito del tampone già effettuato.

Ieri mattina anche qui il lavoro dei sanitari è stato continuo, con 340 tamponi effettuati a fronte dei circa 200 che si fanno di solito, e di conseguenza decine sono state le  auto in fila fino  ancora a mezzogiorno  che costeggiavano la piazza fino ad arrivare quasi all’incrocio con via Aldo Moro. Una coda disciplinata dal gruppo dei volontari di Protezione civile del Comune che, dall’inizio della pandemia collaborano con l’Asp e il Comune, e si sono messi a disposizione, anche  tramite un accordo tra Protezione civile, Comune ed Asp per alleviare la confusione  snellendo in maniera ordinata  le file che si creano davanti all’hub. Da quando è iniziata la pandemia non è mai mancata la preziosa presenza del volontariato ad Augusta, come la Misericordia che, in questo periodo, collabora con il centro vaccinale di Punta Izzo o anche le sezioni di Augusta  di Nuova Acropoli e dell’associazione nazionale dei Carabinieri che hanno sempre dato una mano concreta per la gestione dell’emergenza.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo