In tendenza

Augusta, misure straordinarie in materia urbanistico-edilizia, l’assessore Tedesco: “tra i primi ad averle applicate”

Si tratta di applicazione della normativa per arginare l'abbandono dei centri storici e al contempo favorire il rilancio della vitalità economica

“Il  Comune di Augusta è stato  tra i primi, se non il primo, ad aver dato tempestiva applicazione alla normativa, per arginare l’abbandono dei centri storici e al contempo favorire il rilancio della vitalità economica. Questo atto deliberativo rappresenta uno dei tanti piccoli passi che la nostra amministrazione sta muovendo per contribuire alla ripresa della nostra città in questo difficile momento”.

A dirlo è Peppe Tedesco, assessore all’Urbanistica entrato a far parte della giunta comunale da qualche settimana dopo il rimpasto che commenta così l’approvazione durante l’ultimo recente Consiglio comunale delle “Misure straordinarie in materia urbanistico edilizia per interventi di rigenerazione urbana, di decarbonizzazione, efficientamento energetico, messa in sicurezza, sismica e contenimento del consumo di suolo, di ristrutturazione nonché di recupero e riuso degli immobili dismessi o in via di dismissione”.

L’atto richiama la recente normativa (legge regionale 23/2021) che intende agevolare gli interventi di “rigenerazione urbana, di decarbonizzazione, efficientamento energetico, messa in sicurezza, sismica e contenimento del consumo di suolo, di ristrutturazione nonché di recupero e riuso degli immobili dismessi o in via di dismissione”.

Queste misure – continua Tedesco-  si affiancano ad altre molteplici tipologie di incentivi fiscali attualmente vigenti in materia edilizia e tutte rispondenti ad un significativo interesse pubblico. Inoltre con l’approvazione di tale atto si intende agevolare il recupero dell’esistente patrimonio immobiliare del Centro storico presente sul territorio comunale.  Riscontrando di primaria importanza la necessità di valorizzarne il tessuto urbanistico nonché contestualmente limitare l’impiego e l’utilizzo di suolo e di risorse territoriali, il Comune di Augusta dispone con il presente atto la concessione di incentivi rivolti a favorire gli interventi di recupero e riqualificazione edilizia dei nuclei storici, proponendo come obbiettivi non solo l’incentivazione della ristrutturazione di immobili a fini residenziali facenti parte delle zone di centro storico, ma anche l’apertura di nuove attività extra residenziali, commerciali, artigianali, culturali e piccole attività ricettive da attuarsi mediante interventi edilizi di recupero dei fabbricati e/o delle attività già esistenti e insediate, nonché di fabbricati identificati di interesse storico, artistico, architettonico, ambientale o documentario nonché di pregio, ubicati anche al di fuori delle aree omogenee “A”.

Per Tedesco la promozione del recupero del patrimonio edilizio esistente, sviluppato sulle due opportunità relative la prima agli immobili residenziali e la seconda alle attività commerciali, è motivata dagli obiettivi di limitare il consumo dei suoli, attualmente principalmente utilizzati allo scopo agricolo, e contestualmente di poter arginare il fenomeno dell’abbandono dei centri storici, favorendo il mantenimento e/o il ripristino delle funzioni residenziali, nonché quello di sostenere ed incentivare la vitalità economica e sociale del capoluogo del Comune e dei nuclei storici presenti sul territorio.

Le misure adottate riguardano l’esonero del contributo di costruzione dovuto per interventi edilizi di recupero dell’esistente patrimonio immobiliare del Centro storico presente sul territorio comunale, la riduzione del 20% del contributo di costruzione dovuto per interventi di rigenerazione urbana, di decarbonizzazione, efficientamento energetico, messa in sicurezza, sismica e contenimento del consumo di suolo, di ristrutturazione nonché di recupero e riuso degli immobili dismessi o in via di dismissione, l’ esonero del pagamento della tassa di occupazione di spazi ed aree pubbliche per i cantieri relativi agli interventi che promuovono: risparmio energetico, ecologia, bioedilizia, riduzione del rischio sismico, riciclaggio dei rifiuti, rigenerazione urbana, recupero edilizio, ristrutturazione urbana ed edilizia ovvero altre forme ritenute innovative per la qualità architettonica.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo