Augusta, manca l’energia elettrica: si ferma, per qualche ora, il pozzo della Villa

L’interruzione si sarebbe verificata stanotte o in mattinata, qualche ora dopo il pozzo è stato riattivato

Si sta regolarizzando l’erogazione dell’ acqua al centro storico, che arriva dal pozzo della Villa e che è mancata stamattina in seguito ad un’ interruzione dell’energia elettrica avvenuta forse durante le notte o stamattina presto e che ha danneggiato il quadro elettrico, facendo fermare la pompa nuova. I tecnici del Comune hanno poi ripristinato il normale funzionamento del pozzo, la mancanza energia elettrica avrebbe anche danneggiato la cabina elettrica del pozzo Tringali, che ha smesso di fornire acqua già la scorsa settimana dopo la fine dei lavori di re-incamiciatura e l’avvio del pozzo comunale. E a cui si era rivolto stamattina l’ufficio tecnico per ovviare all’impossibilità di pompare acqua.

La conseguenza del disservizio è stata che i residenti dell’Isola dopo oltre tre mesi di assenza di acqua potabile hanno temuto il peggio, considerato che si sono ritrovati di nuovo con i rubinetti o completamento a secco chi ha il collegamento diretto o con acqua torbida chi, invece, ha un serbatoio di accumulo. L’ennesimo inconveniente  viene spiegato con la fase di riattivazione del servizio da parte dell’assessore ai Lavori pubblici Roberta Suppo che su Facebook invita “gli utenti che dovessero riscontrare tale problematica sono invitati a darne immediata comunicazione al Comando dei Vigili urbani, telefonando al numero 0931.512288”– ha scritto l’assessore che ha ricordato che “lunedì 3 febbraio l’Asp ha effettuato i prelievi per le analisi dell’acqua del pozzo rigenerato e i risultati perverranno entro la settimana”.

Se saranno nei limiti di legge si dovrebbe revocare l’ordinanza di non potabilità del 25 ottobre, rispettano già i limiti di legge, tranne che per un lieve eccesso di cloruri, i prelievi dell’acqua del pozzo della villa effettuati dalla rete idrica in piazza Risorgimento e al lungomare Paradiso, il 29 gennaio scorso dal laboratorio incaricato dal Comune.

L’ ennesimo disservizio è stato stigmatizzato da Manuel Mangano, il giovane che lo scorso mese fa fatto lo sciopero della fame per l’acqua. “I cittadini del centro storico sono esausti- ha scritto sul social network- e voi continuate con le vostre scuse. Datevi una mossa, fatevi aiutare, dimettetevi se è il caso, ma liberate Augusta dalla completa inefficienza. Siamo pronti a tornare in piazza anche oggi stesso e stavolta molto più delusi di prima”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo