In tendenza

Augusta, maltempo: riaperto tratto dell’ex Sp 193 all’altezza di Meccano 2. Danni per un milione e 800 mila euro

Domani, tempo permettendo, sarà asfaltato, richiesto già lo stato di calamità naturale per un totale di 3 milione e 400 mila euro se si considerano i danni del ciclone Apollo

È stato riaperto il tratto di strada dell’ex provinciale 193, all’altezza di Meccano 2, fortemente dissestato dal maltempo della scorsa settimana e per questo, chiuso alla circolazione veicolare per alcuni giorni. I primissimi e urgenti interventi effettuati dal Comune per ripristinare la viabilità, con la sistemazione parziale del tratto interessato, saranno completati con la posa dell’asfalto in programma domani, tempo permettendo, e hanno riguardato però la sede stradale comunale e nella zona commerciale – già in condizioni non ottimali anche prima del maltempo – di competenza dei privati che insistono nell’area.

Nei giorni scorsi sono stati, inoltre, effettuati anche lavori  di pulizia e manutenzione dei canaloni di raccolta e smaltimento delle acque reflue che, già in condizioni di sofferenza a causa delle precedenti ondate di maltempo, erano stati ulteriormente intasati dalle condizioni meteo avverse tra il 16 e 17 novembre scorso, creando un pericolo per la pubblica incolumità a causa del tracimare delle acque meteoriche sulla sede stradale. In somma urgenza il Comune ha affidato gli interventi anche per ripristinare la viabilità in vari punti del territorio, anche se ci sono ancora buche sulle strade come, ad esempio, lungo la provinciale per Brucoli, una delle più colpite dagli allagamenti  dove è sempre consigliabile transitare con cautela.

Abbiamo sistemato con un primo intervento di riempimento con del pietrisco e materiale anche il tratto di contrada Oliveto dissestato dall’acqua, così come in contrada Cozzo Rondinelle e Cozzo Filonero-Falà, anche se qui abbiamo in mente un progetto  e  problemi alla viabilità non ce ne sono. C’è solo un tratto chiuso dove è venuta fuori una tubazione e dobbiamo capire cosa fare”– fa sapere il sindaco Giuseppe Di Mare.

Da ripristinare un tratto sottostante via Via Xiphonia, al centro storico dove si è verificato un cedimento nella parte bassa e il tratto di marciapiedi è stato transennata in attesa di necessari interventi, da ripulire ancora la zona all’ingresso di Augusta che costeggia i canaloni e le saline dove ci sono ancora detriti sul manto stradale e l’area antistante l’ex campo sportivo Fontana dove a farla da padrone è un consistente strato di fango che crea disagi al mercato delle piante, per questo si sta per procedere nei prossimi giorni con un affidamento diretto.

“I danni quantificati per quest’ultimo maltempo ammontano ad un milione e 800 mila euro che, aggiunti al milione e seicentomila euro già quantificati  per gli altri danni creati del ciclone Apollo, portano ad un totale di 3 milioni e 400 mila euro i danni stimati. Abbiamo già chiesto il riconoscimento dello  stato di calamità naturale alla Regione e attendiamo risposte” – aggiunge il sindaco, che nei giorni scorsi ha ricevuto una chiamata da parte del capo dipartimento Protezione civile nazionale Fabrizio Curcio, che ha espresso vicinanza e solidarietà alla città di Augusta sostenendo di essere già a lavoro per dar seguito alle svariate richieste del territorio comunale e impegnare risorse per risarcire chi ha subito danni.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo