In tendenza

Augusta, la “Notte del liceo classico” al Megara e la bellezza in tutte le sue forme

Si è svolta in contemporanea nazionale con altri 300 licei italiani, ma in diretta streaming

“Attraverso la conoscenza della classicità senza tempo e dei suoi valori imperniati sul rispetto dell’altro e sull’attenzione alla formazione di uomini e cittadini liberi e responsabili, nessun ostacolo è insormontabile”. Questo il messaggio che le docenti del Megara Paola Di Mare, Jessica Di Venuta, Gabriella Fassari, Zaira Lipari e Giuseppina Pugliares, responsabili del progetto della “Notte del liceo classico” hanno voluto lanciare agli studenti e alla collettività con la settima edizione della manifestazione nazionale celebrata venerdì pomeriggio anche ad Augusta in contemporanea nazionale con altri 300 licei italiani. Quest’anno l’evento, che si è aperto con i  saluti del dirigente e dell’assessore alla  Pubblica istruzione Ombretta Tringali, si è svolto non in presenza, ma in diretta streaming a cornice delle varie performance video degli alunni del Megara, diretto da Renato Santoro.

Tema della manifestazione la bellezza in tutte le sue forme: naturale, paesaggistica e artistica. In partenariato con la sezione augustana di Italia nostra, presieduta da Jessica Di Venuta, che ha portato a mettere in risalto le location naturali e architettoniche della città, che sono diventate un teatro mozzafiato a cielo aperto. A impreziosire il tutto ha contribuito la partecipazione straordinaria di alcuni alunni delle scuole medie cittadine, che con grande sicurezza si sono mescolati ai liceali per recitare con loro. Il messaggio lanciato molto chiaro: l’arte, la letteratura e le scienze sono lo specchio della grandezza dell’animo umano che non si piega di fonte all’avversità.

Mariada Pansera, presidente di Archeoclub Augusta ha inviato il suo augurio e il suo invito a perseguire la strada maestra della cultura, mentre ha regalato un momento di allegria e spensieratezza il poliedrico attore Antonello Costa, ex alunno del liceo classico, che ha risposto alle domande dei ragazzi e ha ricordato con grande nostalgia gli anni passati sui banchi del Mègara. Infine gli alunni delle prime si sono cimentati, rischiarati dalla luce emozionante del Faro Santa Croce, nella lettura drammatizzata in greco antico del brano finale con cui tutti i licei chiudono in contemporanea nazionale la manifestazione. Questo video, parteciperà assieme a quelli delle altre scuole, alla selezione della Rai, che manderà in onda sulle sue reti quello giudicato migliore.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo