In tendenza

Augusta, incendi: a fuoco una vasta area di macchia mediterranea a Monte Tauro. Paura tra i residenti

La situazione più drammatica si è verificata ad Agnone Bagni dove villeggianti sono stati evacuati via mare  

Giornata di “passione” ieri anche ad Augusta che non è stata risparmiata dagli incendi alimentati dalle altissime temperature e del forte vento che ha spirato per tutto il giorno. Ad  andare in fumo una vasta zona di vegetazione a Monte Tauro  che si affaccia sulla Panoramica, in via Hegel  dove in alcuni casi le fiamme altissime hanno anche lambito la strada, alcune abitazioni e il parcheggio di un hotel dove è bruciata anche un’automobile suscitando paura tra i residenti.  Poco distante le fiamme si sono sviluppata anche nella vegetazione del “villaggio California”, fiamme anche nella zone di Castelluccio e Baia del silenzio.

Incessante il lavoro dei Vigili del fuoco e della Forestale ma anche  della Marina militare, dei volontari della Misericordia, della Protezione civile di Augusta e Melilli, delle forze dell’ordine e  della polizia municipale.  La situazione più drammatica si è verificata ad Agnone Bagni dove l’ incendio è scoppiato vicino alle zone balneari di Costa Gaia e Baia del sole e si è esteso anche alla vegetazione che si trova lungo la 114 che porta a Catania, chiusa precauzionalmente per un tratto fino a tarda notte. Le fiamme si sono avvicinate pericolosamente alle case e molti villeggianti sono stati evacuati via mare dalla Guardia costiera mentre un elicottero del 118 non è riuscito ad atterrare per via del fumo e delle fiamme.

Sotto accusa da un lato la scarsa manutenzione della vegetazione, facile ad incendiarsi con temperature roventi come quella di ieri, soprattutto nella zona di Monte Tauro dove già si sarebbero verificati altri incendi giorni scorsi,  ma anche la mano dei possibili piromani come ha sottolineato su Facebook il sindaco Giuseppe Di Mare che ha attivato ieri il Coc, il centro operativo comunale definendo “disonesti” coloro che  “deliberatamente appiccano il fuoco e poi scappano. Costoro sono tra gli esseri più spregevoli e da considerare dei veri e propri delinquenti perchè mettono a repentaglio la vita di tante persone che potrebbero esserne coinvolte per domare l’incendio o per provare a salvare i loro affetti. I prossimi saranno giorni molto caldi, l’invito è quello di stare attenti”.

L’avviso straordinario della Protezione civile regionale emanato ieri infatti indica  rischi incendi e ondate di calore, con  stato di preallerta e di attenzione fino al 6 agosto raccomanda, in particolare  che “i proprietari e/o i gestori di impianti e di infrastrutture contenenti materiali combustibili, compresi gli impianti di trattamento e stoccaggio dei rifiuti e le isole ecologiche, verifichino urgentemente la sussistenza di idonee fasce tagliafuoco e di impianti antincendio provvedendo, ove questi non sussistente o non idonei, ad adottare ogni provvedimento necessario anche alternativo. – si legge-I proprietari e/o i gestori di strutture ricettive, di agriturismi e di campeggi, verifichino i piani di evacuazione e la praticabilità delle vie di fuga in caso di incendi. Si invitano tutti i cittadini, ciascuno per quanto di competenza, ad adottare ogni possibile misura di prevenzione e di mitigazione del rischio incendi, ondate di calore e prestare la massima attenzione”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo