Augusta, in moto per svagarsi per le vie cittadine: fermati dai Carabinieri

Due motociclisti sono stati controllati mentre si aggiravano in città nonostante il divieto

Proseguono i servizi di controllo del territorio dei Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa volti a garantire il rispetto delle disposizioni impartite dal Governo per contrastare la diffusione del coronavirus. Malgrado le numerose denunce operate nei giorni scorsi per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità ex art. 650 c.p., molte persone continuano ad aggirarsi per le pubbliche vie per ragioni che esulano dalla lista di quelle “autorizzate” dai noti decreti governativi. Purtroppo in tali circostanze, al momento del controllo i Carabinieri non possono che procedere penalmente, come previsto dalle citate normative.

Anche ieri si sono rilevati casi di grave superficialità, fra i quali i più evidenti sono avvenuti:

A Siracusa, dove ancora si sono riscontrati casi di gruppetti di persone che parlavano tra loro per strada, o di giovani trovati insieme in sella al motociclo (senza pertanto rispettare la distanza minima prevista di un metro) o quello di una donna che passeggiava in Ortigia con il figlio 11enne;

A Francofonte e Lentini, dove diversi automobilisti portavano a bordo del loro mezzo persone non facenti parte della loro famiglia convivente; in uno di tali controlli, i Carabinieri hanno peraltro rinvenuto indosso ad un 25enne 2 grammi circa di marijuana, motivo per il quale l’uomo verrà anche segnalato alla Prefettura di Siracusa quale consumatore di sostanza stupefacente. I Carabinieri della compagnia di Caltagirone hanno denunciato un pensionato di Francofonte che ha dichiarato di essersi recato nel comune di Caltagirone poiché la qualità della ricotta sarebbe nettamente migliore rispetto a quella del suo paese di residenza.

Ad Augusta, dove due motociclisti sono stati controllati mentre si aggiravano, per mero svago, per le vie cittadine.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo