In tendenza

Augusta, il Corbino aderisce alla carta di Caltagirone, custode della macchia mediterannea

In vista della festa dell'albero ha partecipato, con gli alunni delle prime medie, ad un incontro online nell’ambito delle attività previste dal progetto “Futuri cittadini responsabili”

Il secondo istituto comprensivo Orso Mario Corbino, diretto da Maria Giovanna Sergi ha aderito alla Carta di Caltagirone, Carta dei comuni custodi della macchia mediterranea e  in vista della festa dell’ albero ha partecipato, con gli alunni delle prime medie, ad un incontro online nell’ambito delle attività previste dal progetto “Futuri cittadini responsabili”. A  promuoverlo è stata l’ Associazione per lo sviluppo sostenibile e centro di educazione ambientale di Messina, presieduta da Francesco Cancellieri, cui il Corbino ha aderito e che  ha dato ampio spazio alla conoscenza delle formazioni vegetali che sono caratterizzate da basse piante legnose, perenni, sempreverdi, prevalentemente arbustive, tipiche delle coste del Mediterraneo.

Dopo i saluti iniziali di tutti gli istituti partecipanti e delle autorità presenti, tra cui la parlamentare Angela Foti e l’ex ministro Alfonso Pecoraro Scanio, gli interventi della ricercatrice dell’Ingv Giovanna Lucia Piangiamore e di Vincenzo Piccione del Cts  di AssoCea Messina Aps hanno permesso ai ragazzi di conoscere meglio le caratteristiche della macchia mediterranea e l’importanza degli alberi per prevenire i rischi idrogeologici e per stimolare una sana coscienza ecologica e  valorizzare il nostro patrimonio naturale. All’incontro seguiranno momenti di piantumazione di vari arbusti nei diversi plessi dell’ istituto.

L’istituto ha, dunque,  aderito alla Carta di Caltagirone che verrà sostenuta  con attività didattiche e di sensibilizzazione con l’obiettivo di tutelare, salvaguardare e valorizzare il nostro paesaggio partendo dalla considerazione che  l’albero, simbolo universale della vita, sia l’ asse del mondo, perché ne rappresenta lo scambio ed il completamento con la fotosintesi, e perciò immagine vivente ed esempio di un percorso di crescita ed evoluzione.

 

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo