Il ministro Azzolina a Floridia, visita al liceo “Da Vinci”

Augusta, il Comune ricorda l’ex sindaco Saraceno: a lui sarà intitolato un tratto di strada

Domenica ricorrono i cinquanta anni dalla sua scomparsa, l’iniziativa del sindaco Di Pietro e dell’assessore Sirena

Saraceno al centro con la fascia nel 1960

Sarà intitolato all’ex sindaco Giovanni Saraceno, di cui domenica ricorrono i cinquanta anni della scomparsa, il tratto di strada che collega la Porta spagnola all’ex club Esso. Lo hanno reso noto il sindaco Cettina Di Pietro e l’assessore alla Cultura Giuseppina Sirena, che intendono cosi’ ricordare l’impegno dell’illustre concittadino a favore della città e dell’intera provincia, da amministratore e da sindacalista, “al di là del credo politico, vuole, con atto pubblico, rendere un doveroso omaggio alla sua figura. Saraceno – ricordano – fu più volte assessore, vicesindaco e, dal 1 luglio 1961, ricoprì la carica di sindaco di Augusta. Tra le altre cariche che rivestì, portando sempre alto il nome di Augusta, oltre a quelle meramente politiche, ricordiamo la vicepresidenza del Consorzio Asi di Siracusa e la vicepresidenza della Cassa edile siracusana”.

Dell’ex sindaco si ricorda, in particolare, la battaglia lunga tre mesi in difesa dell’autonomia del porto megarese che lo portò il 28 dicembre 1960 alla testa di in grosso corteo di 20.000 augustani che protestarono e sfilarono contro un decreto ministeriale che tentava di trasferire verso Siracusa la gestione del porto. “Nel salone comunale, allora sede delle riunioni consiliari – proseguono sindaco e assessore – la popolazione di Augusta sfilò addolorata davanti alla sua salma, composta nella camera ardente, dove convennero anche ministri, parlamentari e dirigenti di tutti i partiti, segno tangibile della stima che si era guadagnato con le sue battaglie per il riconoscimento dei diritti costituzionali”.

Così l’assessore alla Cultura Sirena, sentita la famiglia Saraceno ha predisposto uno specifico atto di indirizzo a cui si darà concreta attuazione con la cerimonia di intitolazione una volta conclusa l’emergenza legata al diffondersi del Covid-19.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo