In tendenza

Augusta, i Consiglieri comunali Di Mare e Sessa replicano all’On. Prestigiacomo

I Consiglieri comunali di Augusta, Giuseppe Di Mare e Francesco Sessa, replicano alle dichiarazioni rilasciate due giorni fa dall’On. Stefania Prestigiacomo (Leggi Qui):

A volte ritornano” ci verrebbe da dire come in una sorta di racconto horror dopo l’apparizione attraverso la carta stampata del noto esponente del PDL siracusano, questo il commento dei Consiglieri Comunali Giuseppe DI MARE di Futuro e Libertà e Francesco SESSA dei Circoli Socialisti movimento per il territorio dopo l’articolo apparso sulla stampa dell’ex Ministro dell’Ambiente.

Ci vuole coraggio, la famosa “faccia di scoglio”, nel fare certe affermazioni, nel richiamare valori legati alla dignità, nell’invitare ad un sussulto di dignità, soprattutto – dicono DI MARE e SESSA – da chi attraverso il proprio partito ha affaccendato il Parlamento Italiano a far votare che Ruby Rubacuori era la nipote di Mubarak, ma a quale dignità fa appello la Ministra?? Ma poi sa la Ministra da chi è composto il Consiglio Comunale? Sa forse qualcosa dell’indagine? Sa – continuano DI MARE e SESSA – che le dimissioni non bloccano un iter avviato che potrebbe portare comunque a quest’atto?

Rimaniamo veramente imbarazzati – affermano DI MARE e SESSA – dinanzi a certe inesattezze giuridiche da parte di chi ha ricoperto incarichi importanti per la nostra Nazione, forse non sa, perché impegnata fuori Augusta, che il marchio infamante la nostra provincia lo sta subendo con i nostri giovani costretti ad abbandonarla, con i nostri padri senza lavoro, con un’intera popolazione sottoposta ad un costante martirio fisico grazie agli accordi, progetti, ed idee di chi come lei ci ha amministrati e svenduto il nostro territorio.

Allora Ministra un sussulto di dignità lo chiediamo noi a lei, si faccia da parte lei più degli altri – continuano i Consiglieri Comunali Giuseppe DI MARE di Futuro e Libertà e Francesco SESSA del Circoli Socialisti Movimento per il Territorio – dato che non c’è traccia di atti a favore della nostra provincia in anni di partecipazione al Consiglio dei Ministri, oppure, si candidi ad elezioni con le preferenze.

Non si capisce come mai la Ministra così garantista – dicono DI MARE e SESSA – da far parte in un partito che ha avuto tra le proprie fila e pensa ancora di candidare alle prossime elezioni nazionali persone come gli Onorevoli Cosentino e Dell’Utri, abbia questa certezza nei confronti del Consiglio Comunale di Augusta, magari scarso, magari non all’altezza, ma sicuramente non mafioso.
All’immagine di Augusta la Ministra ha mai pensato in questi anni? Forse ora dato che ci stanno le elezioni – affermano DI MARE e SESSA – va fatto un pezzo per ricordare di esser presente…allora prego Ministra venga a passeggio in Città, per le vie principali, vediamo l’accoglienza che riservano i nostri studenti, i nostri lavoratori, i nostri genitori, a chi in questi anni ha avuto a cuore le beghe del proprio leader piuttosto che il cuore della propria terra….

Noi – concludono DI MARE e SESSA – non conosciamo che sia la mafia se non dai film, non conosciamo un mafioso, siamo cresciuti con il mito di uomini come Falcone e Borsellino, quindi non possiamo sapere i comportamenti degli uomini che la operano, certo che questa determinazione in queste affermazioni da chi ha nel proprio partito personaggi indagati per vicinanza alla criminalità ci fa preoccupare.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo