Covid19. Stop a eventi al chiuso, obbligo delle mascherine, nessuna tendopoli: nuova stretta di Musumeci

Augusta, esperto del sindaco su tematiche ambientali, Schermi: “quale vantaggio ha il Comune dal costo della nomina?”

L’esponente di opposizione si chiede perchè il sindaco non si è avvalso dell’esperto pagato dall’ Ente per partecipare alla conferenza dei servizi decisoria  sulla bonifica ambientale di Punta Izzo

Con nomina sindacale il Comune riconosce mille euro al mese a un esperto del sindaco in materia ambientale. Perché dunque la sindaca non si è avvalsa del parere dell’esperto in sede di conferenza dei servizi lasciando prevalere il silenzio assenso sulla bonifica ambientale di Punta Izzo?” A chiederlo è il consigliere comunale di Diem 25 Giuseppe Schermi, che entra nel merito della assenza del Comune alla conferenza dei servizi decisoria del 30 giugno scorso convocata dalla Marina militare – e dove non erano presenti neanche la Sovrintendenza, l’Asp e il Libero consorzio di Siracusa – che ha approvato il piano di caratterizzazione e messa in sicurezza d’emergenza del poligono di tiro di Punta Izzo, rimasto contaminato da metalli pesanti per anni.

Se davvero l’interesse del Comune è la restituzione dell’area alla fruibilità pubblica, perchè non ha inteso agire con proprio parere a tutela dell’interesse collettivo alla salute dei cittadini a cui dovrebbe esser restituita l’area? – si  chiede l’ex vicesindaco – Se fino a ieri si poteva invocare l’alibi della carenza di competenze negli uffici, da un anno tale competenza viene retribuita dal Comune, ma sembrerebbe non fruita. Chiedo al sindaco di rispondere pubblicamente su quale vantaggio ha finora tratto il Comune dal costo per la nomina dell’esperto del sindaco. Analogamente, perché da 6 mesi la mia proposta di referendum sul deposito costiero Gnl risulta carente di parere tecnico, non consentendo così la discussione in consiglio comunale?”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo