In tendenza

Augusta, domenica la cerimonia di accoglienza del Barcone alla nuova darsena

Il relitto del naufragio del 18 aprile 2015  recuperato dal mare diventerà una Giardino della memoria

La Cerimonia di accoglienza del relitto del naufragio del 18 aprile 2015, in programma domenica pomeriggio, 13 giugno, ad Augusta ha ricevuto il patrocinio della Camera dei Deputati, presieduta  dall’onorevole Roberto Fico,  che ha così riconosciuto l’alto e indubbio valore simbolico dell’iniziativa. Il Barcone, il cui affondamento causò la morte di oltre mille migranti, nel 2016 è stato recuperato dal mare dal Governo italiano per compiere la pietosa opera di rimozione e il possibile riconoscimento degli esseri umani rimasti intrappolati al suo interno, ed è rientrato ad Augusta lo scorso 20 aprile, dopo essere stato esposto alla Biennale d’Arte di Venezia  nel 2019.

Dismessa definitivamente la sua funzione artistica, assume adesso il suo ruolo principale di pungolo delle coscienze, di simbolo di tutte le tragedie, conosciute e non, che hanno riguardato uomini, donne e bambini costretti ad abbandonare le proprie terre per cercare una vita migliore. A loro e a tutte le vittime del mare andrà il pensiero domenica 13 giugno, nella Cerimonia che avrà inizio alle 18,30 alla Nuova darsena, inserita all’interno dei festeggiamenti della Madonna della Stella maris. E durante la quale saranno ripercorsi la storia del relitto e anche il significato dell’accoglienza nel porto megarese che ha visto arrivare, in questi anni, migliaia di migranti salvati.

Saranno recitate due brevi preghiere della comunità musulmana di Augusta e della comunità cristiana e alle 19,30 dal mare arriverà anche la Madonna Addolorata. Dopo la benedizione verrà lanciata in mare una corona di alloro in memoria di tutti i Caduti. Seguirà una concelebrazione eucaristica dei sacerdoti di Augusta con l’arcivescovo di Siracusa, monsignor Francesco Lomanto, alla fine della quale  sarà svelata una grande croce posta vicino al Barcone.  L’Addolorata sarà posta accanto, in un abbraccio virtuale e simbolico con tutte le vittime.

L’iniziativa è stata promossa dal Comitato 18 aprile, dall’ Amministrazione comunale, dalla Stella Maris – che esprimono soddisfazione per il patrocinio ricevuto e ringraziano la Camera dei Deputati- e con la concreta collaborazione dell’Autorità portuale del mare di Sicilia orientale e dalla Capitaneria di porto di Augusta. Il Comitato 18 aprile è nato nel 2016, in concomitanza con l’arrivo del relitto alla rada di Augusta,  con lo scopo di conservare la memoria della tragedia, dare vita al “Giardino della Memoria” e creare anche un “Museo dei Diritti”, diffuso ed in rete con altre realtà museali, sociali e culturali del Mediterraneo.

 

 

 

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo