In tendenza

Augusta, deposito Gnl al porto, si riuniscono oggi II e III commissione consiliare

Prevista la presenza di Autorità portuale e Restart, non parteciperà il Comitato Punta Izzo possibile che contesta l’esclusione

Sarà incentrata sul deposito di Gnl nel porto di Augusta e sugli aggiornamenti sul progetto commissionato dall’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia orientale la seduta congiunta della seconda e terza  commissione consiliare, rispettivamente “Sviluppo economico” e “Igiene e sanità”  convocata dal presidente del Consiglio Marco  Stella per  questa mattina  al Comune. Saranno presenti, oltre ai consiglieri, anche personale  dell’Asdp che è l’ente appaltante e che fornirà delucidazioni sulla localizzazione dell’impianto e della società “Restart” che ha predisposto il progetto e che dovrà rispondere sul tema della sicurezza e dell’impatto ambientale.

Alla seduta ha chiesto di essere ascoltato anche   il Comitato Punta Izzo possibile, ma la sua richiesta è stata respinta dal presidente del Consiglio che ha comunicato “l‘impossibilità di una nostra partecipazione ai lavori delle commissioni consiliari in quanto le stesse si riuniscono per dare seguito al deliberato del consiglio comunale”- fanno sapere gli attivisti in una nota in cui dichiarano di non condividere la motivazione della scelta “atteso che il deliberato a cui Stella fa riferimento è un atto d’indirizzo con il quale il Consiglio si è impegnato proprio a mantenere un “dialogo costante” con le parti sociali allo scopo di  “valutare con la più ampia consapevolezza e cognizione del problema gli effetti conseguenti in tema di tutela dell’ambiente, salute e sicurezza della comunità”. Il contributo che avremmo voluto dare in sede di commissione, -prosegue il comitato Punta Izzo possibile- era perciò del tutto coerente con l’indirizzo politico espresso dal civico consesso e con la necessità, condivisa da tutti i consiglieri, di approfondire una tematica che interessa l’intera collettività”.

L’ intervento del comitato avrebbe avuto ad oggetto gli obblighi giuridici d’informazione e consultazione comunale in materia d’impianti a rischio d’incidente rilevante: “Un argomento che avremmo affrontato insieme ai profili di verifica ambientale e paesaggistica del progetto di deposito Gnl. Profili che ci sembrano assenti dal dibattito e trascurati persino in sede di conferenza dei servizi, a dispetto della loro importanza centrale per la tutela della salute e della sicurezza dei cittadini e dell’ambiente”. 

Da parte sua il presidente Stella, che subentra solo per la convocazione in quanto le  commissioni  sono due ricorda che le commissioni consiliari oggi si riuniscono per gli aggiornamenti e portare avanti “la tematica sul deposito Gnl  già sviscerata in consiglio comunale con una seduta ad hoc e aperta in cui sono state invitate le associazioni. Il regolamento – afferma- prevede che il presidente della commissione può chiamare a supporto della tematica all’ordine del giorno una figura terza e in questo caso quel passaggio è già stato effettuato  in aula. Se ci sarà un’altra convocazione di consiglio comunale aperta si potrà accogliere la richiesta del comitato Punta Izzo possibile”

 

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo