Augusta, “Città della notte” accoglierà positivi al covid 19 e chi attende l’esito del tampone

L’ Asp di Siracusa ha acquisito la disponibilità della società augustana titolare della struttura alberghiera che si trova al bivio per Villasmundo

Sarà l’albergo di “Città della notte”, che si trova lungo la strada per Villasmundo ad ospitare nei suoi 49 posti letto sia pazienti positivi al covid-19 che non necessitano di ricovero sia quanti attendono il risultato del tampone e necessitano di quarantena.

L’Asp di Siracusa ha, infatti, acquisito la disponibilità della Società Lighthouse Faro Santa Croce di Augusta, titolare della struttura alberghiera che, nei giorni scorsi, si era dichiarata immediatamente disponibile con l’assessorato regionale e dopo l’ ordinanza contingibile e urgente del 23 marzo scorso del presidente della Regione siciliana su ulteriori misure in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica a mettere a disposizione l’albergo per garantire “l’isolamento di pazienti paucisintomatici, senza necessità di ricovero, appena positivizzati a tampone o dimessi dall’ospedale in condizioni stabili ma ancora positivi, nonché ai pazienti in assenza di tampone nei quali è stata individuata la necessità clinica di un periodo di quarantena”.

La convenzione con l’Asp prevede che la struttura alberghiera metta a disposizione 49 camere per uso singolo, con finestra e dotate di ogni confort, compreso un televisore con digitale terrestre e il wifi. Sarà, invece, a carico dell’Asp attraverso i propri fornitori, la sanificazione iniziale e finale delle camere da utilizzare e quella giornaliera delle camere e degli ambienti ove transitano gli ospiti con la fornitura di sacchetti, ma anche la fornitura della biancheria ospedaliera, di prodotti per l’igiene, dei pasti, di mascherine e di altri dispositivi di protezione individuale sia agli ospiti che al personale alle dipendenze e operante. Previsto anche un “servizio di consulto psicologico, nutrizionistico e caregivers aziendali e quanto sarà ritenuto utile al fine della tutela della salute dei degenti e del personale a qualunque titolo coinvolto nella gestione della struttura alberghiera”

L’Asp riconosce per ogni camera impegnata l’importo massimo di 30 al giorno, oltre Iva, se dovuta.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo