Augusta, arretrati del salario accessio ai dipendenti comunali: “inspiegabile silenzio dell’amministrazione”, tuona la Cisl

Incomprensibile silenzio dell’Amministrazione comunale di Augusta sugli arretrati del salario accessorio dei suoi dipendenti. Il sindaco si attivi da subito per saldare quanto dovuto ed evitare all’ente ulteriori spese.”

La denuncia arriva dal segretario generale della FP Cisl Ragusa Siracusa, Daniele Passanisi, e dalla responsabile del Dipartimento Autonomie Locali, Letizia Ragazzi, che, in una nota inviata al primo cittadino e al segretario generale di Augusta, tornano sulla vicenda riguardante il salario accessorio maturato.

Il sindaco continua a non rispondere alle sollecitazioni delle organizzazioni sindacali – hanno dichiarato Passanisi e Ragazzi – Parliamo del mancato saldo ai dipendenti degli arretrati maturati dal 2011 al 2015. Ora, essendo maturato anche il 2016, si paventano azioni di recupero da parte dei dipendenti interessati e questo con prevedibile aggravio di costi per l’Ente. Conseguenze evitabili se solo l’Amministrazione comunale intervenisse per dare risposte a questi dipendenti. Il silenzio dell’Amministrazione non può risolvere la questione – aggiungono i due esponenti della FP Cisl – Sarebbe più sensato affrontare senza alcun indugio la questione e iniziare a dare risposte ai tanti dipendenti che hanno formulato richieste di saldo di quanto maturato”.

Il salario accessorio è legato alla produttività degli stessi dipendenti. Obiettivi da raggiungere per l’ente attraverso il lavoro di tante persone che, vengono incentivate per il loro impegno quotidiano. Per questo la Cisl chiede con urgenza  un incontro sindacale che affronti la questione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo