Augusta, Antico dipinto sulla Crocifissione di Cristo torna alla Curia grazie alla Marina e ai Beni culturali

L'opera di elevato valore artistico e storico, custodita presso Marisicilia in seguito al terremoto del 1990, sarà nei prossimi giorni restituita alla Curia Vescovile e posizionata all'interno della chiesa di San Sebastiano di Augusta

Sono stati presentati nei giorni scorsi, nella sala conferenze del Comando Marittimo Sicilia, i lavori che hanno riportato all’antico splendore – dopo cinque mesi di meticoloso restauro – il dipinto di autore ignoto del XVIII secolo raffigurante la Crocifissione di Cristo. L’opera di elevato valore artistico e storico, custodita presso Marisicilia in seguito al terremoto del 1990, sarà nei prossimi giorni restituita alla Curia Vescovile e posizionata all’interno della chiesa di San Sebastiano di Augusta.

All’incontro presieduto dal Comandante Marittimo in Sicilia, contrammiraglio Nicola de Felice, erano presenti in particolare l’arcivescovo Salvatore Pappalardo e il sindaco di Augusta avvocato Maria Concetta Di Pietro.

Lavoro eseguito a regola d’arte – ha commentato Monsignor Pappalardo -, prendo atto della consolidata collaborazione con le varie istituzioni, a conferma ancora una volta della sensibilità della Marina Militare nei confronti della comunità“.

Particolarmente apprezzato è stato l’intervento della restauratrice Giovanna Comes che ha descritto nei minimi particolari le varie fasi del restauro catturando l’attenzione dei presenti, in particolare degli alunni del liceo artistico “Emilio Greco” di Catania e dell’Istituto Superiore ad indirizzo artistico “Fermi – Guttuso” di Giarre.

Devo dire grazie alla Marina Militare per aver ospitato e accolto questi  preziosi quadri“, ha sottolineato l’architetto Fulvia Greco, in sostituzione del soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali della città di Siracusa. “Questo ricovero di emergenza è stata l’occasione per il restauro di questo dipinto, auspicando che si possa continuare, in sinergia, anche per altri futuri interventi“.

Siamo sempre disponibili a portare avanti queste iniziative che sono alla base della convivenza fra le varie istituzioni – conclude l’ammiraglio de Felice – ma soprattutto un forte segnale della volontà della Marina Militare di lanciare un messaggio chiaro e trasparente verso tematiche socio-culturali della città di Augusta. Noi siamo qui per lavorare insieme e per dare il nostro contributo allo scopo di valorizzare il territorio siciliano“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo