In tendenza

Annullo postale e cartolina commemorativa per la “città” di Augusta a cura della Società augustana di storia patria

La cartolina, ispirata da alcuni particolari dei dipinti della volta del salone di rappresentanza del Municipio potrà essere ritirata  giovedì con l’annullo postale storicizzato dalle  8,30 alle 13 in piazza Duomo  

La Società augustana di storia patria partecipa alla concessione del titolo di “città” ad Augusta con la richiesta di un annullo speciale postale, che sarà apposto sulla cartolina commemorativa creata e stampata in 1000 esemplari numerati a cura e spese dell’ associazione. Lo fa sapere il presidente Salvatore Romano che aggiunge che l’annullo postale riporterà la proposta grafica dell’associazione con al centro la “corona muraria con cinque torri” cioè il simbolo delle città italiane,  il nome della città e la data di emissione del 2 dicembre 2022, giorno dell’  ufficializzazione della concessione del titolo già decretato il 13 giugno 2022 dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

La cartolina, ispirata da alcuni particolari dei dipinti della volta del salone di rappresentanza del Municipio ed eseguiti nel 1931 dal pittore palermitano Salvatore Gregorietti, riporta le parole e la data del decreto presidenziale.   I soci, i collezionisti e i filatelici potranno ritirare la cartolina con l’annullo postale storicizzato venerdì dalle  8,30 alle 13 in piazza Duomo.

“La cartolina commemorativa non avrà alcun costo ma –prosegue Romano- perché acquisisca un valore filatelico, dovrà essere affrancata di francobollo che potrà essere acquistato in una rivendita o nell’apposito ufficio filatelico temporaneo che sarà allestito in piazza Duomo e presenziato da due impiegati dell’ ufficio delle Poste e telecomunicazioni di Augusta che apporranno l’annullo postale. Dal giorno successivo e per altri sessanta giorni, l’annullo potrà essere richiesto all’ ufficio delle Poste di Augusta-centro su una semplice busta o su una qualsiasi cartolina sempre affrancata”.

L’operazione procederà fino all’esaurimento delle cartoline, trascorso il tempo a disposizione, le rimanenti saranno ritirate e distrutte. Il bollo speciale, terminato il periodo di utilizzo entrerà a far parte della collezione storico postale e verrà esposto presso il Museo storico delle Poste e delle telecomunicazioni.

“L’importante evento cittadino sarà per la nostra Società l’occasione per entrare per la prima volta e a pieno titolo nella storia della Filatelia italiana.”- conclude Romano

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo