Si apre il sipario al carcere di Augusta: gli studenti del Corbino assistono allo spettacolo “Giorno dopo giorno”

Spettacolo teatrale per studenti della scuola media Corbino, accompagnati dalla preside Sergi dagli insegnanti e dai genitori, al carcere di Augusta. Ad essi si sono aggiunti i familiari dei detenuti attori che grazie ad un permesso speciale hanno potuto accedere all’interno del carcere, andando oltre la zona colloqui dove si svolgono normalmente le visite.

Il testo rappresentato dal titolo “Giorno dopo giorno” è stato scritto dagli stessi detenuti sotto la supervisione della scrittrice magistrato Simona Lo Iacono e consiste in scene di vita carceraria . Al termine dello spettacolo i familiari hanno potuto intrattenersi per il resto della mattinata con i loro cari nella sala teatro.

L’evento si innesta nella politica di apertura al territorio che rappresenta uno dei punti di forza dell’azione della direzione del carcere e che segue numerosi altri fra cui la serata “Ritorno al Castello Svevo”, concerto svoltosi nell’antico maniero, oggi al centro di una inchiesta giudiziaria e che in quell’occasione venne bonificato e reso fruibile grazie al lavoro gratuito dei detenuti per quello che è rimasto, nel settembre 2014 l’ultimo momento di apertura sua pure parziale del monumento .

Il rapporto con la scuola media Corbino proseguirà grazie alla stipula di una convenzione che prevede lo svolgimento di attività grauita da parte dei detenuti per la pulizia delle aree verdi dell’istituto scolastico.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo