Sequestrato un capannone industriale in area Asi ad Augusta per omessa bonifica e conferimento abusivo di rifiuti

È stata rivelata la presenza di polvere di pirite, particolarmente nociva per la salute pubblica qualora non correttamente gestita e smaltita

Nell’ambito di un ordinario servizio d’istituto finalizzato al controllo del territorio, i Finanzieri della Compagnia di Augusta hanno scoperto un sito industriale presente all’interno dell’Area di Sviluppo Industriale (Asi) di Augusta, dove era stato impropriamente abbandonato un ingente quantitativo di rifiuti industriali e scarti di lavorazione, rinvenuti all’interno e all’esterno diun capannone in Contrada San Cusumano.

L’attività ispettiva condotta con l’ausilio di tecnici dell’Arpa di Siracusa, del Libero Consorzio e dell’Asp di Augusta, ha consentito di circoscrivereun’area di circa 5.000 metri quadrati e sottoporla a sequestro preventivo, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Nell’occasione è stato possibile procedere a una campionatura dei rifiuti presenti nell’area industriale cautelata, grazie all’operato dei tecnici intervenuti con i Finanzieri della Compagnia megarese, che ha rivelato la presenza di polvere di pirite, particolarmente nociva per la salute pubblica qualora non correttamente gestita e smaltita.

Ulteriori accertamenti investigativi posti in essere dai militari hanno consentito di deferire alla locale Autorità Giudiziaria il curatore fallimentare della società proprietaria del sito interessato dal sequestrato preventivo, per ipotesi di violazione previste dagli articoli 452 terdecies c.p. (omessa bonifica) e 256 del D.lgs. n. 152/2006(conferimento abusivo di rifiuti).

Il risultato conseguito testimonia, ancora una volta, l’importante ruolo svolto dalla Guardia di Finanza a tutela del territorio ed a tutela della salute dei cittadini.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo