Campionato regionale di corsa campestre, l’ Asd Atletica Augusta prima nella categoria esordienti con Di Giovanni

Ennio Salerno, atleta di punta e tecnico della società,  si è piazzato al nono posto con il tempo 33’44” sulla distanza di 10 Km, soddisfatta la dirigenza

Ha conquistato il primo posto nella categoria Esordienti Lorenzo Di Giovanni, dell’Atletica Augusta che ha preso parte alla prima prova del campionato regionale di cross promozionale-agonistico, che si è disputata, nei giorni scorsi, alla  pineta dei Monti Rossi di Nicolosi. Il giovane atleta ha gareggiato sulla distanza di 500 metri, su  un percorso particolarmente insidioso, con fondo sabbioso e cambiando ritmo nel  finale che lo ha portato a  staccare gli inseguitori conquistando il primo posto assoluto.

Dietro di lui sesto si è piazzato Federico Spinali, con ancora un grande potenziale inespresso,  29esimo Alessandro Riciputo, piccolo atleta che da anni frequenta con entusiasmo la scuola di atletica leggera.

A seguire Marco Puleo (30esimo) che a fine 2018 ad Avola (su pista) aveva conquistato il podio insieme a Matteo Romagnoli, che si è piazzato al 34simo posto, seguito da Marco Tringali 35simo  e che, nonostante la giovane età, ha dimostrato  grinta da vendere. Per la categoria ragazzi (1,5 Km) Gianpaolo Caramagno e Gabriele Sarcià, alla loro prima esperienza, sono arrivati rispettivamente 43simo e 59simo dimstrando grande determinazione.

Ottimo risultato per Ennio Salerno, nono assoluto con il tempo 33’44” sulla distanza di 10 Km e  tecnico della scuola di atletica leggera che, insieme alla dirigenza dell’Asd Atletica Augusta, esprime grande soddisfazione per i risultati raggiunti.

Da oltre un decennio la scuola di atletica leggera è presente sul territorio con insegnanti e tecnici qualificati cercando di trasmettere  i principi dello sport ai piccoli atleti e  il giusto agonismo tra gioco e divertimento. E’ stata una bella giornata di sport e un’occasione di confronto e di crescita per questi piccoli atleti che – hanno commentato dalla società- hanno avuto modo di sperimentare l’agonismo in gara, fatto di vittoria e di sconfitta”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo