Augusta, “Ti scippu a testa”. Lite in consiglio comunale: Schermi ritira la querela contro Blanco

I 1.500 euro versati da Blanco verranno usati anche per il ricorso di Natura Sicula pendente al Tar contro  il progetto di poligono di tiro a Punta Izzo

È “pace” fatta tra il consigliere comunale e coordinatore regionale di Diem 25 Giuseppe Schermi e il collega del 5 stelle Uccio Blanco, che da ex “compagni di partito”, dopo il licenziamento di Schermi da vicesindaco e la sua conseguente uscita dal movimento di maggioranza, si sono trovati a sedere al Consiglio comunale, ma su banchi opposti.

E proprio durante un momento di pausa della seduta a palazzo San Biagio del 31 marzo 2017, in cui si discuteva delle tariffe della Tari ci fu un acceso battibecco tra i due e anche con l’ex presidente del Consiglio, culminato con la frase “Ti scippu a testa”,  rivolta da Blanco all’ex vicesindaco Schermi, che fu anche raggiunto nel suo scranno. Quest’ultimo presentò così una formale querela contro il collega, che in questi mesi ha fatto il suo normale corso e che però adesso è stata ritirata dallo stesso Schermi.

Ho rimesso davanti al giudice la querela conseguente agli spiacevoli fatti di consiglio comunale del 31 marzo 2017, meglio noti come “ti scippu a testa”. – ha detto- Nelle scorse settimane il consigliere Blanco mi ha chiesto la remissione di querela offrendomi 1.500 euro. Su mia richiesta tale importo è stato da lui versato a ristoro delle spese legali da me sopportate e per quelle del ricorso pendente al Tar contro il progetto di poligono di tiro militare a Punta Izzo, proposto dalla onlus Natura Sicula”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo