Augusta, sport cittadino in lutto: è morto Josè Motta, storico maestro della “Virtus Augusta”

Lascia la moglie e una figlia, domani  i funerali  alle 16 in chiesa Madre

foto di Anna Daniele e Gianni Catanzaro

Si è spento ieri a 74 anni Josè Motta storico maestro e presidente della Virtus basket” la società di basket augustana, fondata oltre 40 anni fa, che ha allenato intere generazioni di ragazzi, oggi diventati adulti  e continua a farlo ancora oggi. Una notizia arrivata  improvvisa ieri sera che ha creato molto sgomento e tanta incredulità, a cominciare dalla società allenata da Gigi Valora e Gianni Catanzaro e da Stefania Perrone, istruttrice minibasket che ha listato a lutto la sua pagina Facebook aggiungendo “Buon viaggio presidente e continua a seguirci da lassù”.

Molti i messaggi di cordoglio arrivati anche attraverso i social network tra cui quello dell’assessore allo Sport Giusy Sirena che lo ha definito “un’icona del basket, e di tutto lo sport, augustano. Anche io, per due anni, sono stata una sua allieva, e non dimenticherò la sua grande professionalità e umanità”.

Un maestro apprezzato da tutto il mondo dello sport augustano che  “perde un grande tecnico” – ha scritto Marcello Di Mare, maestro di karate della Rembukan karate. “Allenatore dall’elevato spessore tecnico e con tanta esperienza nel settore della pallacanestro. Una persona umile, piena di valori,con tanta grinta e pieno di energia. Ricordo ancora i tuoi allenamenti precisi e mirati. Sei stato il mio primo maestro quando all’ età di 12 anni giocavo a basket con la Virtus Augusta nella palestra della scuola Cappuccini. Non ho mai dimenticato i tuoi insegnamenti, scolpiti per sempre dentro di me. Rest in Peace Josè, da parte di “Freccia” come mi chiamavi tu”– lo ha ricordato Luigi Spinali, campione di atletica.

Un maestro amatissimo anche da genitori e sportivi. Quante volte abbiamo riso insieme, quanti campionati vinti, hai portato in alto il nome della Virtus e insegnato a centinaia di ragazzi il valore dello sport. Non ti dimenticheremo. Addio coach”– ha scritto Flavio,  “un grande uomo ed un grande insegnante. Grazie per ciò che hai insegnato a mio figlio ad amare lo sport” –aggiunto Dani. Lascia la moglie e una figlia.  I funerali saranno celebrati domani alle 16 in chiesa Madre.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo