Augusta, si conclude domenica l’operazione “Mare sicuro”: 20 persone salvate questa estate

I dati dell’operazione, avviata il 16 giugno, sono stati forniti stamattina dal comandante  Attilio Montalo durante una conferenza aperta gli studenti del liceo “Megara, impegnati in un progetto alternanza scuola-lavoro

Venti persone tratte in salvo, 58 missioni di salvataggio effettuate, 38 bollini blu rilasciati, 206 ispezioni per la pesca, 314 per il diporto, 753 per il demanio, 720 per l’attività balneare e 381 per l’inquinamento. E ancora 64 verbali e 19 sequestri amministrativi elevati, sequestrati  220 chili di pesce, 600 ricci di mare, 2 acquascooter, un motore fuoribordo, una rete a strascico e  20 metri da pesca.

Sono i numeri dell’operazione “Mare sicuro” della Capitaneria di porto di Augusta avviata il 16 giugno e che si concluderà domenica prossima con l’obiettivo di garantire la sicurezza della navigazione da diporto, effettuando controlli in tema di polizia demaniale, antinquinamento e sulla filiera della pesca lungo il litorale di competenza della Guardia costiera che si estende per 45 km, dalla penisola Magnisi fino alla foce del fiume Simeto coinvolgendo 4 comuni.

I dati sono stati illustrati  durante una conferenza stampa, che si è tenuta stamattina nella sede della Capitaneria di porto – Guardia costiera alla presenza  del comandante e capitano di vascello, Attilio Montalto, del comandante in seconda Antonio Giummo  e del capitano di Corvetta Alberto Boellis, capo servizio operativo, allargata a tutti i compiti  portati avanti, durante l’anno, dai militari di stanza ad Augusta, 94 in totale.

Attraverso l’uso di slide e filmati sono state evidenziate, inoltre  le peculiarità del porto di Augusta, individuato come core” dall’Unione europea e  sede dell’Autorità di sistema del mare di Sicilia orientale,  con una rada  sei volte più grande di quella di Catania, dove insistono ben sei raffinerie di petrolio che producono 26 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi.

La conferenza è stata rivolta anche  ad una ventina di studenti di due quinte del Liceo “Megara”, impegnati  in un progetto di alternanza scuola-lavoro avviato grazie ad una convenzione stipulata con la Capitaneria di porto. Gli studenti sono stati accompagnati per l’occasione dal neo dirigente scolastico Renato Santoro che si è detto soddisfatto del progetto e della docente referente dell’alternanza lavoro  Elisabetta Patania, al termine alcuni studenti hanno potuto partecipare ad un’uscita in mare sulla motovedetta CP 2204, della Guardia costiera, al comando del Capo di seconda classe Roberto Tringali, una delle cinque unità con cui i militari effettuano le perlustrazioni in mare, per assistere concretamente ad alcune attività di controllo svolte dalla motovedetta Cp 716, al comando del secondo capo Gaetano Spinali.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo