Augusta, servizio Asacom disabili delle scuole superiori non avviato, l’associazione 20 Novembre 1989 pronta a rivolgersi alla magistratura

Lo ha fatto sapere  Sebastiano Amenta, vice presidente dell'associazione e coordinatore provinciale della First, la Federazione italiana rete sostegno e tutela, che fa parte dell' Osservatorio regionale sulla disabilità

Si dice pronta a ricorrere alla magistratura qualora il servizio Asacom, di assistenza personale ma anche di trasporto per gli studenti disabili, che frequentano le scuole superiori non dovesse partire al più presto, l’associazione 20 novembre 1989, che intanto ieri ha scritto all’assessore regionale alle Politiche sociali e famiglia, Maria Ippolito per segnalare come il servizio che è a carico del Libero consorzio dei comuni di Siracusa, che lo offre attraverso cooperative accreditate non sia ancora partito, nonostante sia già iniziata la scuola.

Ieri si è svolta una riunione durante la quale il dirigente del settore dell’ex Provincia ha “lamentato il fatto che la Regione non abbia ancora stornato i fondi destinati all’espletamento di tale servizio e questo disservizio mina di fatto il percorso scolastico dell’alunno disabile – ha detto Sebastiano Amenta, vice presidente dell’associazione, da poco nominato coordinatore provinciale della First, la Federazione italiana rete sostegno e tutela, che fa parte dell’Osservatorio regionale sulla disabilità-. Ci appelliamo alla sensibilità dell’assessore Ippolito nel risolvere questa spiacevole vicenda, che nega dei diritti inalienabili ad alunni disabili, nella Pec è stato rimarcato che qualora il servizio non parta in tempi celeri l’associazione farà ricorso al magistrato tramite il proprio legale avvocato Maurizio Benincasa. Si auspica che il tutto si risolva nel più breve tempo possibile e fare in modo che gli alunni non venga negato il diritto allo studio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo