Augusta, rinviato a giudizio l’ex parlamentare regionale Coltraro: “totalmente estraneo ai fatti”

Sono accusati, a vario titolo, di falsità materiale e ideologica, abuso d’ufficio, soppressione di atti pubblici, uso di atti falsi e truffa finalizzati all’erogazione delle agevolazioni finanziarie della Comunità europea

Il Gup del Tribunale di Siracusa ha disposto il rinvio a giudizio dell’ex parlamentare regionale Giambattista Coltraro, 43 anni, notaio; di Sebastiano Coltraro, 47 anni, fratello dell’esponente politico; Mario Poidomani, 61 anni, dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Portopalo di Capo Passero; Giuseppa Tolomeo, 83 anni, parente dell’esponente politico, e Corrado Controsceri, ingegnere di 48 anni.

Sono accusati, a vario titolo, di falsità materiale e ideologica, abuso d’ufficio, soppressione di atti pubblici, uso di atti falsi e truffa finalizzati all’erogazione delle agevolazioni finanziarie della Comunità europea. Gli indagati, secondo gli inquirenti, avrebbero, a vario titolo, tentato di ricevere oltre un milione di euro di sovvenzione pubblica per il restauro di un villaggio turistico nel Comune di Portopalo di Capo Passero, lavori mai effettuati ed autorizzati fittiziamente con atti falsi. Nel 2012 Coltraro fu eletto nella lista Crocetta presidente nel collegio di Siracusa.

“Sono totalmente estraneo ai fatti – le parole di Coltraro – dimostrerò la mia innocenza nelle sedi opportune. Non c’è stata alcuna appropriazione di fondi pubblici avendo la società rinunziato volontariamente al ottenere il finanziamento fin dal lontano 2013″.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo