Augusta, processo “mafia e politica”: ascoltati due dipendenti comunali

L’udienza è stata aggiornata al 21 marzo prossimo per l’esame dell’ex sindaco Carrubba ed eventualmente anche dell’ex assessore Giunta

E’ ripreso ieri al tribunale di Siracusa il processo che, dopo sette anni dovrebbe avviarsi alle battute conclusive, per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio a carico dell’ex sindaco Massimo Carrubba e dell’ex assessore Antonio Giunta, mentre  l’ex consigliere comunale Carmelo Trovato deve rispondere di voto di scambio aggravato. All’udienza sono stati ascoltati i due dipendenti comunali Antonio Moschitto ed Edoardo Pedalino che, all’epoca dei fatti, ovvero nel 2010, rivestivano il ruolo rispettivamente di tecnico istruttore dei Lavori pubblici e di dirigente dell’Urbanistica.

I due hanno risposto alle domande sia dell’avvocato della difesa di Giunta, Puccio Forestiere sia del pm Andrea Ursino e di Sebastiano Grimaldi, legale del Comune, che si è costituito parte civile con la commissione straordinaria che ha retto il Comune dopo lo scioglimento dell’Ente per presunte infiltrazioni mafiose.

I due dipendenti comunali hanno dichiarato di “non avere mai ricevuto pressioni” da parte di ditte che hanno avuto dal Comune affidamenti diretti di lavori, tra cui quelli urgenti e di modesta entità, alla scuola di Brucoli che nel 2010 apparteneva  al primo istituto comprensivo  “Principe Di Napoli”, e ai bagni del plesso “Pascoli” della stessa scuola, ma del centro storico.

Entrambi i lavori, invece, vengono invece contestati dall’accusa e fanno pare anche dei rilievi che hanno portato anche allo scioglimento del consiglio comunale. I due professionisti hanno ricordato che all’epoca, “in piena crisi economica, il Comune pagava con molto ritardo le ditte e per questo era molto difficile trovare delle ditte disposte ad effettuare lavori per conto dell’Ente”.

Il presidente del collegio giudicante, Giuseppina Storaci ha poi aggiornato l’udienza al 21 marzo prossimo per l’esame di Carrubba ed eventualmente anche di Giunta.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo