Augusta, preavvisi di gara per tre milioni e mezzo per il depuratore: ancora da appaltare le ispezioni propedeutiche alla progettazione

Li ha pubblicati, sul suo sito istituzionale, il commissario unico per la depurazione Rolle, scaduto da un anno il precedente bando per le indagini e ispezioni

lo scarico fognario al lungomare Rossini

Dovrebbero essere progettati, nei prossimi mesi, gli attesi interventi per la depurazione ad Augusta per circa tre milioni e mezzo di euro, che fanno parte dei 33 milioni stanziati, nel 2012, dal Cipe per il superamento dell’infrazione comunitaria e finora mai spesi. Il commissario unico per la depurazione Enrico Rolle, subentrato a giugno 2017 all’ex commissario regionale Vania Contrafatto ha pubblicato sul sito istituzionale diversi avvisi di pre-informazione relativi a progetti in tutta Italia, di cui 4 riguardano anche Augusta.

Si tratta in particolare di appalti per la  progettazione definitiva-esecutiva, studi geologici, direzione dei lavori, coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione, servizi di rilievo ed indagini per realizzare la rete fognaria di Isola e Borgata, la stazione di sollevamento P0, la rifunzionalizzazione del collettore emissario, il recupero e potenziamento dell’impianto di trattamento reflui di Punta Cugno e la condotta di scarico per un importo di un milione e 760 mila euro.

Un altro milione e 120 mila euro dovrebbero servire per  un appalto analogo  al precedente, ma riferito alla rete fognaria di Monte Tauro. Il terzo preavviso di gara è quello relativo alla progettazione per la rete fognaria di Agnone e al nuovo impianto di trattamento reflui della zona balneare (450.103 euro), mentre 250 mila euro dovrebbero servire per il servizio di verifica del primo progetto di intervento della rete fognaria nella zona dell’Isola e della Borgata.

Si tratta di avvisi di pre-informazione, in attuazione al decreto legislativo 50 del 2017, ovvero dell’intenzione di bandire le gare che secondo il cronoprogramma indicato dovrebbero essere pubblicate ad aprile 2018. Un termine che tuttavia sembra comunque destinato a spostarsi considerato che ad oggi  rimane ancora da aggiudicare la precedente gara, bandita a dicembre 2016  e scaduta esattamente un anno fa, per l’espletamento delle attività propedeutiche alla progettazione, che consistono in rilievi topografici, video ispezioni, indagini geognostiche e strutturali per importo di poco più di 131 mila euro.

La gara dovrebbe essere in dirittura d’arrivo, come fa sapere Attilio Toscano, consulente esterno del commissario e capo della segreteria tecnica della struttura commissariale già ai tempi della Contrafatto e la commissione di gara potrebbe appaltare entro fine mese. Un ritardo questo che era stato stigmatizzato già l’anno scorso, in una lettera al commissario Rolle, dal coordinamento “Smuoviamo le acque”, nato l’anno precedente per cercare di accendere l’interesse generale su un problema molto sentito ad Augusta. 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo