Augusta, le ex saline del Mulinello sito di notevole interesse paesaggistico

La stessa sovrintendente Aprile ha risposto con una lettera ad Italia nostra annunciando l’avvio dell’iter "al fine di evitare l’alterazione di quei luoghi ancora integri che eventuali interventi potrebbero comportare"

Le ex saline del Mulinello “rappresentano ancora oggi per il territorio di Augusta un insieme paesaggistico e naturalistico di rilievo e mantengono “le caratteristiche “di cui all’attività agro-silvo-pastorali con la presenza, ancora evidente, di specie protette, la testimonianza di pre-esistenze architettoniche nonché la probabile esistenza di testimonianze archeologiche preistoriche e di catacombe bizantine per le quali aree era già stata predisposta nell’àmbito di un parere, la prescrizione di esecuzione dei “saggi preventivi”.

Lo dice in una lettera la Sovrintendente ai Beni culturali Donatella Aprile che, a seguito di un sopralluogo e per questi motivi, ha dato mandato al dipartimento di avviare l’iter per la dichiarazione delle aree umide di “sito di notevole interesse paesaggistico” al fine di “evitare l’alterazione di quei luoghi ancora integri che eventuali interventi potrebbero comportare”, come ad esempio il progetto di acquisizione delle aree e ampliamento dei piazzali per il quale già è stata avviata la gara e contro cui si sta battendo Italia nostra.

L’associazione di tutela del patrimonio, guidata da Jessica Di Venuta ha reso noto nei giorni scorsi, durante una conferenza a palazzo San Biagio, di aver ricevuto la lettera da parte della Sovrintendente in risposta alle richieste dell’associazione, che aveva sollecitato una valutazione di competenza dello stato delle aree, una parte della quale potrebbe così essere salvata dalla cementificazione e ha, inoltre, illustrato in un lungo excursus la storia delle saline ricordando che già nel primo secolo dopo Cristo, Plinio il Vecchio accennava al sale, ottimo per la conservazione della carne, prodotto nelle saline megaresi.

Alla conferenza era presente anche il consigliere comunale Giuseppe Schermi, che la settimana scorsa in un’altra conferenza stampa aveva fatto sapere dell’esistenza di un’altra lettera di risposta arrivata dal responsabile regionale dell’assessorato Territorio e ambiente per il quale anche le saline del Mulinello sono sottoposte a vincolo paesaggistico dal 2017.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo