Augusta, la Polizia di Stato esegue 5 arresti in seguito all’operazione “Pac Man”

Alle prime ore della mattinata odierna, personale dipendente il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Augusta portava ad esecuzione, su ordine della Procura Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Catania, 5 Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere emesse nei confronti di: ALBERGHINA Marcello nato a Carlentini il 16.01.1970, residente ad Augusta in c.da Contadello s.n. ( in atto detenuto per altra causa ); ALBERGHINA Vincenzo nato a Carlentini il 15.09.1963, ivi residente in c.da Mannella ( in atto detenuto per altra causa ); NOCITA Graziano nato a Rho (MI) il 24.11.1972, residente a Carlentini in via Cosenza di fatto domiciliato in via Cavour 30 ( in atto detenuto per altra causa ); MIRA Salvatore nato a Siracusa il 18.08.1967, residente ad Augusta in c.da Scardina; PASTORE Giuseppe nato a Palagonia il 09.08.1967, ivi residente in via Meucci 6.

Il reato contestato è quello contemplato dall’Art.74 D.P.R. 309/90 essendosi i suddetti associati stabilmente tra loro al fine di commettere più delitti tra quelli previsti dall’Art. 73 D.P.R. 309/90. Ai medesimi, viene, altresì, contestata l’aggravante di cui al co. 4 avendo detti partecipanti la disponibilità di armi.

L’attività d’indagine, intrapresa dal personale del Commissariato di Augusta, sin dal decorso Giugno 2008, con il coordinamento della Procura Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Catania, si è sviluppata articolandosi in più servizi dalla differente tipologia investigativa, quali appostamenti, pedinamenti ed operazioni video tecnico intercettative, in esito ai quali si riusciva ad acquisire inequivoci elementi probatori, idonei a cristallizzare la responsabilità penale dei suddetti prevenuti con riferimento ai reati loro contestati. I positivi esiti delle attività di appostamento e pedinamento effettuate a completamento di una contestuale attività intercettativa, sia telefonica che di conversazioni tra presenti, hanno di fatto, consentito di riscontrare i ruoli di promotori ed organizzatori rivestiti in seno all’Associazione dall’ALBERGHINA Marcello e dal NOCITA Graziano, nonché quelli di addetti alla collocazione dello stupefacente nelle zone di rispettiva competenza territoriale svolti dall’ ALBERGHINA Vincenzo e dal MIRA Salvatore.

In detto contesto associativo il coinvolgimento compartecipativo del PASTORE Giuseppe, si sostanziava nello svolgimento delle funzioni di “ corriere “ del gruppo, in nome e per conto del quale effettuava dal nord Italia i trasporti di cospicui quantitativi di sostanza stupefacente del genere cocaina ed eroina, di cui dimostravano possedere ampia disponibilità. Nel corso dell’attività d’indagine, l’ottima predisposizione dei servizi investigativi, permetteva di sviluppare un costante monitoraggio dell’illecita azione dei predetti, in esito alla quale, si riusciva ad individuare anche le località d’occultamento dello stupefacente in loro possesso, prevalentemente terreni in aperta campagna, nonché le modalità utilizzate per effettuare le cessioni.

Nel corso dell’attività di indagine, si è proceduto al sequestro complessivo di Kg. 1,040 di sostanza stupefacente del tipo Eroina; Kg. 1 di sostanza stupefacente del tipo Hascish; Gr. 110 di sostanza stupefacente del tipo Cocaina; Nr due pistole con matricola abrasa. In più occasioni si è proceduto all’arresto differito di ALBERGHINA Marcello, MIRA Salvatore e NOCITA Graziano.

Nella foto: Nocita Graziano


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo