Augusta, Inner Wheel club consegna i defibrillatori a due istituti comprensivi

Il 6 aprile, invece, nel salone di rappresentanza del Circolo Unione di Augusta, il Club Inner Wheel Augusta, aveva dato vita a una conferenza dal tema "Donne e Guerra. Il contributo delle donne nella Grande Guerra"

Il 12 aprile al salone dell’associazione Filantropica Liberale Umberto I di Augusta, si è svolta la cerimonia di consegna di due defibrillatori: al Primo Istituto Comprensivo Principe Di Napoli a nome dell’Inner Wheel Club di Augusta e al Terzo Istituto Comprensivo S. Todaro a nome del Distretto 211 Italia International Inner Wheel.

Ciò a conclusione dell’importante Service dell’Inner Wheel Club Augusta, grazie al quale sono stati organizzati corsi di Primo Soccorso Blsd per i docenti e i collaboratori scolastici degli istituti. Sono intervenuti alla cerimonia, i dirigenti scolastici dei due istituti comprensivi, Agata Sortino e Rita Spada, la past Governatrice del Distretto 211 Inner Wheel Italia, il presidente dell’associazione “Umberto I”, Mimmo Di Franco, i docenti e rappresentanti degli alunni dei due Istituti. La presidente Adriana Corbino Giudice, ha consegnato inoltre gli attestati di completamento del corso di Blsd ai docenti e al personale Ata che lo hanno superato positivamente.

Il 6 aprile, invece, nel salone di rappresentanza del Circolo Unione di Augusta, il Club Inner Wheel Augusta, aveva dato vita a una conferenza dal tema “Donne e Guerra. Il contributo delle donne nella Grande Guerra”. Dopo i saluti della presidente, Adriana Corbino Giudice, i due relatori, Piero Monticchio e Francesco Maria Tanasio, insieme alla nostra amica socia, Paola Mastroviti moderatrice, hanno intrattenuto la numerosa platea di spettatori intervenuti.

Francesco Maria Tanasio ha incentrato la sua analisi su due donne di casa Savoia che hanno magistralmente contribuito nella Grande Guerra: la Regina Margherita e Elena d’Orleans. Entrambe hanno avuto un ruolo fondamentale per la Croce Rossa Italiana e il corpo delle infermiere volontarie. Entrambe, nonostante la posizione sociale, si sono calate nel difficile contesto bellico che le vide protagoniste. Monticchio ha illustrato il ruolo delle donne “comuni” che furono chiamate a svolgere numerose attività fino a quel momento riservate agli uomini ed attività di supporto, conforto e collaborazione con gli uomini al fronte. Per esempio le donne carniche. Tutto ciò ha rappresentato un rilevante cambiamento nel ruolo sociale della donna e un decisivo slancio al processo di emancipazione femminile. Le donne inoltre hanno dato in concreto un contributo non indifferente alla Prima Guerra Mondiale. Al termine, la presidente Adriana Corbino Giudice ha ringraziato la presidente del Circolo Unione per la cortese ospitalità, le socie e tutti gli intervenuti.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo