Augusta, incidente nei pressi della rotatoria di corso Sicilia, Schermi: “metterla in sicurezza con i cordoli”

L’esponente dell’opposizione  ha presentato un’interrogazione urgente al sindaco  e alla giunta per sapere se intendono intervenire “a tutela dei cittadini tutti e soprattutto degli studenti delle scuole”

Mettere in sicurezza la rotatoria di corso Sicilia attraverso dei cordoli di gomma, che creano le apposite canalizzazione  del traffico, già acquistati ma non ancora usati. A sollevare la questione, all’indomani dell’incidente che ha visto coinvolta ieri una donna investita da un’utilitaria mentre attraversava la strada, è il consigliere comunale di Diems 25, Giuseppe Schermi che ieri ha presentato un’interrogazione urgente al sindaco e alla Giunta per sapere se intendono intervenire con la massima urgenza per installare i cordoli acquistati, “a tutela dei cittadini tutti e soprattutto degli studenti delle nostre scuole“, non avendolo ancora fatto quando le scuole erano  chiuse.

Schermi ricorda che con “delibera dirigenziale del 12 dicembre 2017 il comando dei Vigili urbani, al fine di migliorare la sicurezza stradale nella rotatoria di corso Sicilia con l’incrocio di via Matteotti – dice – intende installare di cordoli di gomma per creare delle canalizzazioni di traffico mediante appositi delimitatori di corsia e che la concomitante riapertura delle scuole e del mercato settimanale pongono a grave rischio la sicurezza stradale e l’incolumità degli studenti che entrano ed escono dalle scuole comunali. Sono stati liquidati 4 mila euro per l’acquisto dei cordoli tenuti in magazzino dall’inizio dell’anno. Il Comune intervenga prima che accada il peggio. La sicurezza stradale degli studenti di Augusta, non può attendere altri 10 mesi. Questa amministrazione comunale ricordi che, ai sensi dell’articolo 40 del Codice penale, “non impedire un evento che si ha l’obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo