Augusta, imbrattata la facciata della sede di Fratelli d’Italia di via Limpetra

L’atto vandalico sarebbe stato commesso ieri pomeriggio da qualcuno che con lo spray nero ha disegnato un cerchio con una “A” all’interno e un uomo appeso a testa in giù

È stata imbratta ieri pomeriggio con lo spray nero la facciata della sede cittadina di Fratelli d’Italia di via Limpetra, al centro storico dove qualcuno ha disegnato un cerchio con all’interno una “A” cerchiata e l’immagine di un uomo appeso a testa in giù. Lo fanno sapere coordinatori cittadini di Fratelli d’Italia, Marco Failla e Enzo Inzolia, che hanno già presentato alle forze dell’ordine una formale denuncia-querela per danneggiamento e minaccia contro ignoti per quello che definiscono un gesto “spregevole e inquietante”.

Evidentemente c’è ancora chi – aggiungono – pensa di poter imporre i metodi della violenza alla pratica del dibattito civile giungendo al punto di evocare, con l’immagine orrida dell’impiccagione a testa in giù, quel piazzale Loreto che perfino uomini di sinistra definirono “macelleria messicana”. Atti del genere, imputabili solo a mentecatti frustrati inconsapevoli di vivere nel 2019, devono essere banditi dalla nostra città, che si è sempre distinta per civiltà e rispetto anche nei momenti più bui della vita politica nazionale”.

Piena solidarietà e vicinanza a Fratelli d’Italia anche da parte del coordinatore cittadino della Lega Massimo Casertano: “le azioni vandaliche, i messaggi e una logica di contrapposizione dai toni violenti – come quelle perpetrate alla loro sede di partito – devono essere condannate universalmente da tutto il mondo politico, a prescindere dal l’appartenenza. È dovere di chi partecipa al dibattito politico – in special modo se interpreta ruoli di responsabilità- contribuire a ripristinare un clima di sano, sereno e civile dibattito, stigmatizzando con fermezza modelli di tale genere ed emarginando e denunciando eventuali fautori di tali comportamenti violenti. L’esasperazione della dialettica e del linguaggio, non siano il metodo per affermare le proprie idee; l’evocazione di immagini e simboli del passato non siano oggetto di strumentalizzazioni per orientare il consenso. Mi auguro che quanto accaduto rimanga un fatto isolato e circoscritto all imbecillità di pochi”.

Solidarietà a Fratelli d’Italia anche dal capogruppo consiliare del Movimento 5 stelle Mauro Caruso: “evidentemente c’è ancora qualcuno che tenta di minare la democrazia e non rispetta le ideologie politiche di ognuno. Spero si sia trattato solo di una goliardata e non di un atto intimidatorio nei confronti della democrazia”.

Il vile atto che ha rovinato la facciata della sede augustana di Fratelli d’Italia, secondo il consigliere comunale di #PerAugusta Giuseppe Di Mare, è “una triste pagina per la nostra comunità, che condanniamo pubblicamente. Riteniamo che il dibattito sia vitale per ogni città, soprattutto per chi vuole riappropriarsi di un’identità condivisa. Condanniamo gli inaccettabili atti vandalici, di qualunque entità siano perché sono un elemento di disturbo della democrazia e del dibattito politico cittadino. Crediamo che tali atti siano da condannare senza se e ma contro chiunque vengano perpetrati. Speriamo che la giustizia riesca a rintracciare i responsabili e manifestiamo la nostra solidarietà a chi ha subito questa azione indegna”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo