Augusta, il ruolo della donna: gli studenti del Corbino incontrano sindaco, comandante dei Carabinieri e associazione Nesea

In occasione della giornata internazionale della donna, si è svolta ieri nei locali del plesso Morvillo del 2° I.C. “O.M. Corbino” di Augusta un’attività didattica particolare rivolta agli alunni del secondo anno della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto

In occasione della giornata internazionale della donna, si è svolta ieri nei locali del plesso Morvillo del 2° I.C. “O.M. Corbino” di Augusta un’attività didattica particolare rivolta agli alunni del secondo anno della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto. I ragazzi, che nei giorni precedenti hanno affrontato l’argomento ciascuno nella propria classe e con i propri insegnanti, si sono confrontati con una rappresentanza di ruoli importanti al femminile della nostra città: il sindaco Cettina Di Pietro, il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Augusta Rossella Capuano ed una rappresentanza dell’associazione antiviolenza Nesea guidata dalla presidente Stefania Caponigro.

Ha aperto la manifestazione il Dirigente Scolastico, Maria Giovanna Sergi, che, dopo aver presentato le ospiti, ha brevemente parlato dell’istituzione di questa giornata commemorativa ed ha illustrato la scaletta dell’attività. Quindi gli interventi delle ospiti si sono alternati con quelli degli alunni. Tutte sono partite dalla loro esperienza di vita per poi affrontare un aspetto particolare del tema.

In particolare il sindaco Di Pietro, ha sottolineato le varie fasi storiche dell’emancipazione femminile sottolineando come però questa non debba necessariamente far perdere di vista alle donne la loro identità, pur dovendo quotidianamente dimostrare di essere capaci di fare quello che fanno gli uomini. Il capitano Capuano ha sottolineato come viviamo in una società dove tutto sembra scontato, ma non sempre è cosi, anche se i giovani, specie qui ad Augusta, sono facilitati dal vedere ruoli importanti occupati da figure femminili che, affrontano le situazioni che si trovano a dover vivere con preparazione, educazione e gentilezza, ma anche con volontà passione e garbo. La Caponigro insieme all’avvocato Stefania D’Agostino (vicepresidente di Nesea), hanno ricordato l’impegno quotidiano svolto dalla loro associazione a favore di chi, ancora oggi subisce violenze e si sono soffermate sulle politiche di genere.

Tutte hanno sottolineato come la società contemporanea ancora non riconosca sempre nei fatti la parità di genere, pur avendo sotto gli occhi esempi di donne eccellenti come quelle che sono state citate dai ragazzi che spaziavano da Bebe Vio a Coco Chanel.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo