Augusta, il Comune cerca artisti per inaugurare l’auditorium “Amato”. Di Mare: “avviso ai limiti della fantascienza”, l’assessore Sirena respinge le accuse

L’avviso pubblico redatto su indirizzo dell’assessore alla Cultura per la presentazione di eventi per l’inaugurazione dell’auditorium comunale Giuseppe Amato ha principi ai limiti della fantascienza, si prendono in giro gli artisti, le associazioni culturali e gli appassionati della cultura cittadina invitandoli sostanzialmente a fare tutto loro “a proprie cure e spese”, incluso iter amministrativo ed organizzativo”. È il duro atto di accusa lanciato dal consigliere comunale di #perAugusta Giuseppe Di Mare nei confronti dell’assessore alla Cultura, Giusy Sirena dopo la pubblicazione, da parte dell’ufficio competente, di un avviso con cui si invitano le associazioni culturali a partecipare all’inaugurazione dell’auditorium della Cittadella degli studi (fino a oggi chiamato  teatro comunale) e i cui lavori dell’impianto antincendio ed elettrico sono finiti da qualche mese  in programma  il 7, 8 e 9 dicembre presentando proposte di conferenze, spettacoli, concerti da inserire nel calendario.

“L’assessore fantasma non ha neanche il coraggio di mettere la firma nell’avviso – prosegue Di Mare – far firmare al responsabile del settore lo stesso documento  ha una precisa logica, spogliarsi da ogni  responsabilità, poter dire domani “non avevo detto questo”, ma ormai la maschera è caduta, per quello che può essere definito come il peggior assessore della storia della nostra città. A volte la realtà  supera la fantasia, la peggior politica in città prova a sotterrare la cultura, con quella postilla finale sulla “natura esplorativa che non vincola l’ amministrazione”.

Secondo Di Mare “ormai si è persa del tutto la decenza” e per questo il consigliere invita l’assessore Sirena a restituire per intero il proprio stipendio che “percepisce da diversi anni dal Comune per questo suo non fare nulla, per questa sua assenza costante dei luoghi di lavoro istituzionale. Doni lo stipendio che riceve di  873,50 euro mensili alla crescita della cultura cittadina – conclude – penseranno gli addetti ai lavori della promozione culturale alla “autogestione” che viene costantemente proposta. Subito dopo provveda a farsi da parte, a sua tutela, anche per non dare l’impressione di esser interessata solo alla parte retributiva, con un sussulto di orgoglio e dignità nei confronti della città che ha mal guidato e indirizzato”.

Ma l’assessore respinge le accuse la mittente spiegando che l’avviso è a firma del responsabile  della Cultura “perchè non è previsto che sia l’assessore a firmarlo essendo il provvedimento redatto  dell’ufficio che ha recepito – spiega – il mio atto di indirizzo. Il consigliere sa bene che al momento non ci sono soldi per pagare gli artisti, cercheremo di venire loro incontro in tutti i modi. Avevamo già delle proposte per l’inaugurazione, ma abbiamo voluto fare il bando proprio  per dare la possibilità a tutti di presentare le loro proposte che saranno vagliate. E che dovranno essere consone sia alla struttura che inaugureremo sia all’evento che vogliamo organizzare”. L’assessore Sirena sottolinea che il bando per l’affidamento in gestione ai privati dell’auditorium è già stato redatto dall’ufficio, è alla firma del segretario generale e si attende il suo ok per la pubblicazione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo